facebook twitter rss

Comune e cooperativa Acquarium fanno squadra:
al via l’ampliamento degli spogliatoi

PORTO SANT'ELPIDIO - “La Cooperativa Acquarium – afferma il Sindaco Nazareno Franchellucci - ha sempre gestito con professionalità ed affidabilità la piscina comunale, assolvendo puntualmente a tutti gli obblighi a suo carico e, da ultimo, realizzando nei tempi e modi prestabiliti i lavori di ristrutturazione della struttura previsti nel bando di gara per l’affidamento in concessione della struttura"
Print Friendly, PDF & Email

Il Comune di Porto Sant’Elpidio ha affidato alla Soc. Coop. Sport. Dil. Acquarium la gestione in concessione ventennale della piscina comunale “Fausto Patrignani” con oneri di ristrutturazione.

Lo scorso 5 dicembre con una nota scritta la Cooperativa Acquarium ha sottoposto all’Amministrazione Comunale una proposta di effettuazione a proprie spese ulteriori interventi di riqualificazione della piscina comunale, a fronte di un prolungamento della scadenza naturale della convenzione finalizzato ad ammortizzare le spese da sostenere.

In tale proposta si prevedono i seguenti tre interventi opzionali:  un ampliamento di circa 100 mq. degli attuali spogliatoi e relativi arredi aggiuntivi, finalizzato ad incrementare sensibilmente la capienza degli stessi, per una spesa complessiva stimata di € 198.808,11 IVA esclusa;  la sostituzione di tutti gli infissi in metallo e a taglio freddo della parte superiore della piscina, ultraquarantennali e fortemente usurati, che contribuiscono alla formazione di una copiosa condensa sui vetri e quindi all’elevato tasso di umidità della struttura, oltre a determinare una forte dispersione di calore, per una spesa complessiva stimata di € 98.035,00 IVA esclusa;  il ripristino della alla piscina esterna per l’uso estivo, con il rifacimento della relativa impiantistica, dei camminamenti intorno alla vasca e dell’impianto di irrigazione per il verde adiacente, per una spesa complessiva stimata di € 78.206,43 IVA esclusa;

Nella data di ieri l’Amministrazione Comunale ha deliberato positivamente su alcuni aspetti della richiesta, in particolare, l’ampliamento di entrambi gli spogliatoi permetterebbe di incrementare sensibilmente lo spazio a ciò adibito, consentendone una più agevole fruizione e l’utilizzo, in contemporanea, da parte di un maggior numero di persone; la sostituzione di tutti gli infissi della parte superiore della piscina è un intervento che, in sede di progettazione dei lavori di ristrutturazione della piscina da porre a base di gara, venne accantonato per esigenze di contenimento della spesa, ma che risulta di estrema importanza per completare l’opera di riqualificazione della struttura; i nuovi infissi proposti, a taglio termico, ridurrebbero in maniera significativa la forte umidità e la condensa che si forma sulle finestre e che corrode muri e parti accessorie della piscina, e sono fondamentale ai fini del risparmio energetico perché evitano dispersione di calore. E’ stato reputato, invece, al momento, di soprassedere sulla proposta di intervento di ripristino della vasca esterna, per ragioni di economicità e non essenzialità ai fini dell’utilizzo della struttura.

“La Cooperativa Acquarium – afferma il Sindaco Nazareno Franchellucci – ha sempre gestito con professionalità ed affidabilità la piscina comunale, assolvendo puntualmente a tutti gli obblighi a suo carico e, da ultimo, realizzando nei tempi e modi prestabiliti i lavori di ristrutturazione della struttura previsti nel bando di gara per l’affidamento in concessione della struttura. L’esigenza di disporre di spogliatoi più ampi, già avvertita in condizioni normali, è ancora più impellente nell’attuale fase di emergenza epidemiologica da covid-19, in quanto le prescrizioni fino ad ora emanate in materia, anche nel caso in cui sia consentita l’apertura dell’impianto, per ragioni di distanziamento riducono drasticamente il numero delle persone che contestualmente possono permanere in tali spazi. Con l’applicazione di tali misure, si è passati, infatti, da una compresenza media di 28/30 utenti a 14 per ciascuno dei due spogliatoi della piscina, rendendo di fatto anti-economica l’apertura dell’impianto per un numero così limitato di persone, con il rischio serio che a breve si comprometta l’equilibrio economico-finanziario della concessione, se la situazione di emergenza durasse ancora per diversi mesi e non si ovviasse urgentemente alle suddette restrizioni con un ampliamento degli spazi.

“Al di là del discorso emergenziale – ha concluso il Presidente della Cooperativa Acquarium Gianni Ripa – l’ampliamento degli spazi è una coccola che vogliamo rivolgere ai fruitori della piscina che potranno godere di spazi più ampi , confortevoli ed accoglienti. Anche la riqualificazione degli infissi permetterà di completare la ristrutturazione eliminando alcuni punti deboli come la condensa che si creava sulle vetrate. Ringrazio l’Amministrazione Comunale che ha compreso il senso della richiesta e si è mostrata consapevole e disponibile, ci auguriamo di poter riaprire nella prossima stagione con una concreta prospettiva di funzionamento ottimale “.

Il periodo di prolungamento della convenzione sarà determinato sulla base della spesa che la Coop. Acquarium dovrà sostenere per la realizzazione dei suddetti interventi, quale risulterà dal quadro economico del relativo progetto definitivo che la Società dovrà presentare ai competenti Uffici comunali entro 30 giorni dall’adozione della delibera, oltre agli oneri finanziari e generali connessi all’investimento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti