facebook twitter rss

Giornata Internazionale dell’Epilessia:
la fontana si illumina di viola

PORTO SANT'ELPIDIO - L'assessore Emanuela Ferracuti "Un plauso all'Associazione Lice Marche che da anni porta avanti molteplici campagne di sensibilizzazione in relazione a temi che spesso ci sfuggono"
Print Friendly, PDF & Email

La Giornata internazionale dell’epilessia è un evento mondiale che ogni anno, il secondo lunedì di febbraio, promuove la consapevolezza verso una malattia neurologica cronica che colpisce 50 milioni di persone al mondo in più di 130 paesi. Anche quest’anno Lice Marche ed il Comune di Porto Sant’Elpidio promuovono, così come avverrà in tutto il mondo, la Giornata Internazionale dell’Epilessia, l’evento che intende divulgare le problematiche riguardanti la malattia, al fine di evidenziare le difficoltà delle persone affette dalla patologia e delle loro famiglie. In occasione di tale giornata diversi Comuni illumineranno i loro monumenti di viola. Porto Sant’Elpidio illuminerà la sua fontana.

L’epilessia è tra le malattie neurologiche più diffuse, insieme a Parkinson e Alzheimer, e conta nel mondo 50 milioni di malati, di cui 6 milioni in Europa e 500 mila in Italia, con un un’incidenza in aumento nell’età infantile e senile. In molti casi la malattia si associa ad altri disturbi neurologici con conseguenze negative sulla qualità di vita della persona affetta.
Nei Paesi industrializzati, l’epilessia interessa circa 1 persona su 100. Questa patologia si può verificare in tutte le età, con due maggiori picchi di incidenza, uno nei primi anni di vita e l’altro – sempre più elevato – nelle età più avanzate. Attualmente si calcola infatti che in Italia ogni anno si verifichino 86 nuovi casi di epilessia nel primo anno di vita, 20-30 nell’età giovanile/adulta e 180 dopo i 75 anni. Alla base dell’alto tasso di incidenza nel primo anno di vita ci sono soprattutto fattori genetici e rischi connessi a varie cause di sofferenza perinatale, mentre per gli over 75 la causa risiede nel concomitante aumento delle patologie epilettogene legate all’età: ictus cerebrale, malattie neurodegenerative, tumori e traumi cranici. Essendo una malattia cronica molto diffusa, è stata definita una malattia sociale che se non curata può avere un impatto negativo sull’autonomia generale dei pazienti e compromettere studi, lavoro, la partica sportiva, la guida e, non ultimo, mettere a repentaglio anche la vita.

Queste le parole dell’Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Porto Sant’Elpidio Emanuela Ferracuti “Un plauso all’Associazione Lice Marche che da anni porta avanti molteplici campagne di sensibilizzazione in relazione a temi che spesso ci sfuggono. Abbiamo una società scientifica (Lega italiana contro l’epilessia, Lice) che fa un’opera di informazione continua e forma costantemente i medici. A questa amministrazione sta a cuore dare voce, dignità, coraggio e competenza alle persone colpite da patologie invalidanti e a chi è loro accanto. Solitamente chi è affetto da tale malattia è silente. Ma se manca la voce delle persone manca il pezzo cruciale nel puzzle della malattia: la discussione non è solo scientifica e clinica, ma etica, sociale, politica. E’ una storia che viene da lontano”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti