facebook twitter rss

Incendio dell’ex piscina, Vergari: “Dolo accertato ma noi avanti con il Piano di riqualificazione”

SANTA VITTORIA IN MATENANO - Il sindaco e l'amministrazione comunale dopo l'incendio del 2 giugno: "Non si può accettare passivamente un atto di puro vandalismo che, tra l'altro, non è l'unico riscontrato nelle nostre aree pubbliche"
Print Friendly, PDF & Email

“Dopo il grave fatto verificatosi la notte del 2 giugno (l’incendio che ha distrutto l’impianto che accoglieva la piscina comunale) l’Amministrazione Comunale ritiene doveroso condividere con tutta la cittadinanza il disappunto e lo sconforto per quanto accaduto. Sarà nostra premura innanzitutto scoprire le cause di questa triste vicenda che rappresenta un duro colpo per chi ama veramente Santa Vittoria”. Così, in una nota, il sindaco di Santa Vittoria in Matenano, Fabrizio Vergari, e la sua amministrazione nel commentare gli sviluppi di indagine sul rogo che ha divorato l’impianto che ospitava la piscina comunale.

Fabrizio Vergari

“Non si può accettare passivamente un atto di puro vandalismo che, tra l’altro, non è l’unico riscontrato nelle nostre aree pubbliche. Accertato che si è trattato di incendio doloso, sottolineiamo che chi ha voluto tutto questo ha solo stimolato ulteriormente questa Amministrazione Comunale nel proseguire il Piano di riqualificazione di una zona che già da tempo ci vede impegnati nel realizzare un nuovo centro sportivo polifunzionale. Le fiamme, che hanno divorato la struttura della ex piscina, non hanno certo bruciato il nostro lavoro che sicuramente continuerà ancor più intensamente perché questo nostro meraviglioso paese ha bisogno di futuro e non di distruzione. Ribadiamo il nostro impegno affinché lo scempio a cui abbiamo dovuto assistere si trasformi in una armoniosa opera di ricostruzione”.

c.n.

A fuoco l’impianto dell’ex piscina, struttura divorata dalle fiamme (Video e Foto)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti