facebook twitter rss

“A Tre Archi posto fisso di polizia, farmacia e Guardia medica”, dal dibattito emergono anche censimento e scogliere

FERMO - Incontro-dibattito a Lido Tre Archi. Confabitare: "Chiesti anche il censimento degli occupanti degli immobili e le scogliere emerse. Chiesto anche di boicottare iniziative che vengono vissute come un vero e proprio spreco di denaro pubblico, come la parete per l'arrampicata"
Print Friendly, PDF & Email
“Oltre duecento persone hanno partecipato attivamente all’incontro dibattito tenutosi nell’androne dell’R4”. E’ quanto fanno sapere dal Confabitare in merito all’incontro tenutosi ieri alle 18 a Lido Tre Archi, un incontro con i residenti in cui non sono mancati spunti di riflessione, suggerimenti e richieste per uno dei quartieri più problematici, soprattutto in termini di sicurezza, del Fermano e non solo.
Molti gli interventi accorati dei residenti rivolti agli esponenti politici presenti, Renzo Interlenghi e Stefano Fortuna, così come gli appelli a non mollare la battaglia iniziata 15 mesi addietro per il posto fisso di polizia, il controllo di vicinato, il censimento degli occupanti degli immobili rivolti al presidente del comitato Gabriele Corta, Gabriele Voltattorni,  al presidente di Confabitare Renzo Paccapelo, e al responsabile sicurezza di Confabitare Ugo Ciarrocchi. Numerose – riferiscono da Confabitare – le richieste giunte dagli interventi, una farmacia a Tre Archi, la Guardia medica, le scogliere emerse per poter permettere a tutti di fare il bagno in sicurezza, la viabilità e l’iniziativa di boicottare iniziative che vengono vissute come un vero e proprio spreco di denaro pubblico, come la parete per l’arrampicata”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti