facebook twitter rss

Via Principe Umberto, prove di dialogo con i commercianti: “Poste buone basi per lavorare insieme”

PORTO SANT'ELPIDIO - Incotnro tra Amministrazione ed esercenti, invitati a far rete; Franchellucci: "Il tema ora non è se la via debba restare aperta o chiusa, ma darci un metodo e avviare un dialogo"
Print Friendly, PDF & Email

Hanno chiamato ad un incontro gli esercenti di via Principe Umberto e via Leopardi, il sindaco Nazareno Franchellucci e l’assessore al commercio Patrizia Canzonetta. Una convocazione volta ad intavolare una più intensa collaborazione, sia nell’ottica di organizzazione di eventi futuri, sia per parlare di scelte viarie. Un confronto che, come sintetizza il primo cittadino, “è partito da un’analisi sull’andamento della stagione estiva per poi avviare un confronto sul futuro”. Alla riunione, oltre ad una nutrita delegazione di operatori commerciali, anche la presidente di Vivi il Centro, Anna Pancotto.

Il Sindaco rimarca “le particolarità di queste due vie, sia per le attività che vi insistono che per le caratteristiche strutturali ed una particolare viabilità. Vanno assunte decisioni che contemplino le esigenze di tutti, le peculiarità di questa parte della città e i bisogni degli esercenti. Il tema di oggi non era parlare di via chiusa o aperta al traffico, ma di condividere un metodo di lavoro. Sotto questo aspetto rilevo una grande volontà, da parte degli operatori, di dialogo e concertazione. C’è piena disponibilità a collaborare con l’Amministrazione comunale e tenere aperto un confronto da parte delle numerose attività che hanno aperto in zona. Possiamo partire dalla programmazione dei festeggiamenti patronali e del periodo natalizio, fino ad arrivare alla prossima estate”.

Parla di riunione proficua il neo assessore Patrizia Canzonetta. “Volevamo stabilire un format ed avviare un percorso di dialogo. Via Principe Umberto ha delle oggettive diversità rispetto a viale Cesare Battisti, va tenuto conto delle caratteristiche di ciascuna zona. Volevamo prima di tutto comprendere le volontà degli esercenti. Noi non ci tiriamo indietro e siamo apertissimi al dialogo, naturalmente occorre che anche da parte delle attività commerciali ci sia un’assunzione di responsabilità e la voglia di mettersi in gioco per una collaborazione che ci auguriamo possa risultare gratificante per tutti. Senza dubbio oggi abbiamo raccolto propositività e al più presto inizieremo ad incontrarci per programmare gli eventi più vicini come la festa di San Crispino, per poi pensare ai festeggiamenti natalizi”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti