facebook twitter rss

Con la Cavalcata dell’Assunta Fermo finisce nella rete dei Comuni medievali

FERMO - Ne fanno parte 16 Comuni in rappresentanza di ben 7 regioni. Fra i prossimi obiettivi della Rete (riconosciuta dall'Enit): la partecipazione alla Borsa del Turismo nei primi mesi del 2022 e l'organizzazione del Festival Medievale del prossimo anno che si svolgerà a Viterbo
Print Friendly, PDF & Email

Anche Fermo nella rete dei Comuni medievali che si è costituita qualche giorno fa e che vede ben 16 Comuni italiani in rappresentanza di 7 Regioni. Si tratta di Fucecchio, Pistoia (Comune Capofila), Serravalle Pistoiese, Pescia, Prato, Calenzano, Monteriggioni, Volterra, Anagni, Viterbo, Narni, Fermo, Gradara, Incisa Scapaccino, Cairo Montenotte e Ariano Irpino.

A sottolineare l’importanza della rete il sindaco Paolo Calcinaro e l’assessore con delega alla Cavalcata dell’Assunta Mauro Torresi per i quali “si tratta di un progetto volto a mettere insieme le forze e condividere strategie per valorizzare luoghi, eventi e rievocazioni medievali. In questo caso, forti della nostra rievocazione per eccellenza la Cavalcata dell’Assunta, la nostra città è stata coinvolta ed ha aderito a questo Protocollo che rappresenta la tappa d’inizio per collaborazioni ed iniziative future comuni, nel segno della storia e della cultura”.

A rappresentare la Città di Fermo, nel giorno della firma del Protocollo d’intesa a Pistoia, il consigliere comunale Massimo Tramannoni (nella foto, secondo da sinistra), delegato dall’Amministrazione Comunale, che ricorda: “qualche giorno fa si è costituuito anche il Comitato direttivo, di cui ovviamente fa parte anche Fermo: l’obiettivo è quello di condividere un calendario di eventi inerente festeggiamenti e rievocazioni storiche medievali, una rete di Amministrazioni destinata a crescere nel tempo, per offrire una gamma sempre più ampia di eventi e manifestazioni e per esaltare le eccellenze e le autenticità della nostra storia”.

Fra i prossimi obiettivi della Rete (riconosciuta dall’Enit): la partecipazione alla Borsa del Turismo nei primi mesi del 2022 e l’organizzazione del Festival Medievale del prossimo anno che si svolgerà a Viterbo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti