facebook twitter rss

Fusione dei Comuni, approvata la modifica di legge: ecco cosa cambia

COMUNI - Primo via libera alla proposta di legge che interviene sulla valutazione della volontà espressa dalla popolazione, i risultati del referendum distinti per ogni singolo Comune. L’iter prosegue con il parere del CAL e il recepimento in Commissione, per poi passare all’esame dell’Aula.
Print Friendly, PDF & Email

Nel percorso di fusione di due o più Comuni, la volontà espressa dalla popolazione attraverso il referendum sarà considerata nel singolo Comune. E’ la principale modifica alla legge regionale del 1995 introdotta dalla pdl approvata a maggioranza dalla Commissione affari istituzionali-bilancio, presieduta da Renzo Marinelli (Lega).

“La proposta, a iniziativa del Gruppo Movimento 5 stelle, relatrici Chiara Biondi (Lega) e Marta Ruggeri (M5s), prima firmataria, interviene – spiegano dalla Regione – sulle norme relative al riordino territoriale, introducendo la valutazione distinta dei risultati del referendum consultivo. Questo comporta che la maggioranza dei voti validamente espressi non sarà più conteggiata sommando il totale, bensì quello di ogni singolo Comune. Il risultato complessivo verrebbe valutato favorevolmente solo se in ogni Comune interessato fosse conseguita la maggioranza dei si. Un’ulteriore modifica viene proposta anche nelle deliberazioni dei Consigli comunali per chiedere l’istituzione di un nuovo Comune tramite fusione. In prima votazione sarà richiesto il voto favorevole dei due terzi dei consiglieri comunali, qualora non fosse raggiunta la soglia, sarà necessario per due volte nelle successive sedute il voto a favore della maggioranza assoluta”.

“L’approvazione di questa proposta – sottolinea Chiara Biondi – è il frutto di un clima di assoluta collaborazione all’interno della Prima commissione. Questi aggiornamenti tengono conto delle esigenze dei singoli Comuni, per salvaguardarli in un’ottica di rispetto della volontà dei cittadini, correggendo un limite del precedente impianto normativo e accogliendo le richieste espresse durante le audizioni». Soddisfazione da parte della Vicepresidente Ruggeri, “queste modifiche – puntualizza – non costituiscono un ostacolo alle fusioni, auspicabili dal punto di vista dell’efficacia, dell’efficienza e dell’economicità per l’attività amministrativa, ma consentiranno un dibattito pubblico esauriente, daranno la possibilità alle minoranze di far valere le proprie posizioni e soprattutto consentiranno ai cittadini dei singoli Comuni interessati di esprimere un parere cui la Regione dovrà tenere in debito conto». L’iter di approvazione della pdl prosegue ora con il parere del Cal e il recepimento in Commissione, per poi proseguire con l’esame dell’Aula”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti