facebook twitter rss

Lo scempio continua in via Agnozzi: “Altre centinaia di bottiglie tra i rovi, affrontare subito il problema”

FERMO - Sonia e Cinzia, dell'associazione #nelnostropiccolo sono tornate ieri a pulire la scarpata. Hanno recuperato centinaia di bottiglie: "Si metta fine a questo scempio. Come? Fototrappole, videosorveglianza, qualsiasi strumento per evitare la discarica"
Print Friendly, PDF & Email

Lo scempio continua in via Agnozzi. Altre centinaia di bottiglie gettate tra i rovi. E questa volta Sonia e Cinzia, dell’associazione #nelnostropiccolo sono tra il disperato e l’arrabbiato: “Bisogna intervenire immediatamente per arginare questo fenomeno deplorevole. Come? Fototrappole, videosorveglianza, qualsiasi cosa purché si metta la parola fine a queste discariche abusive”. Dopo l’intervento del 2 novembre scorso con centinaia di bottiglie recuperate dalla scarpata, ieri Sonia e Cinzia si sono nuovamente armate di senso civico e tanta pazienza per tornare a pulire la scarpata in via Agnozzi. Con una ‘sorpresa’ che fa male.

“Mentre l’altra volta – spiegano – le tante bottiglie che abbiamo recuperato erano sotterrate, quindi presumibilmente lì da mesi, quelle che abbiamo recuperato ieri erano nuove, quindi molto probabilmente abbandonate da pochissimo tempo. Abbiamo provato a ripulire la scarpata il più possibile ma non è stata impresa facile a causa dei tanti rovi. Si continua a scaricare in via Agnozzi e chi di dovere intervenga immediatamente. Noi non sappiamo più a chi appellarci”.

g.f.

 

La scarpata della vergogna: “Centinaia di bottiglie di birra gettate tra i rovi”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti