facebook twitter rss

Fermana, il gradito
ritorno di Valdes

SERIE D - Già canarino, il centrocampista offensivo reindossa il gialloblù dopo la parentesi di Tolentino
Print Friendly, PDF & Email

 

FERMO- Sotto l’albero c’è un regalo per la Fermana.
Direttamente alla cena di Natale gialloblù è spuntato a sorpresa infatti Sebastian Valdes, un innesto di grande qualità per il gruppo dei canarini.
Vero e proprio jolly tra attacco e mediana, l’argentino classe 1985 (19 presenze e 5 centri per lui nel precedente campionato) era una vera mascotte del gruppo, del quale incarna alla perfezione spirito e valori.

La scorsa estate Valdes aveva lasciato il cuore sotto il Girfalco, dove era giunto nella stagione 2014/2015 trovando subito un feeling speciale con tutto l’ambiente. Per questo, dopo la breve parentesi cremisi con il Tolentino, non si è lasciato sfuggire la possibilità di tornare a vestire la casacca della Fermana con la quale, a dire il vero, era stato insieme ai compagni (molti dei quali oggi ritrova) e agli ordini di Mister Destro uno dei protagonisti della cavalcata dello scorso anno coronata dai playoff di Fano.

“Sono davvero contento di essere tornato a far parte di questo magnifico gruppo – dichiara l’interessato – I ragazzi sono stati splendidi fino ad ora in questo girone d’andata ma non avevo dubbi. Immagino quanto impegno e quanta determinazione siano loro occorsi per arrivare al primo posto, e so che con la giusta umiltà, il sacrificio e il lavoro tutti insieme possiamo toglierci grandi soddisfazioni. Non posso far altro che fare a tutti i complimenti e ringraziare il dg Conti per la grande fiducia che ha nuovamente riposto in me e che non vedo l’ora di ripagare. Da parte mia garantisco che come sempre metterò tutto l’impegno di cui sono capace per poter essere utile alla causa. La Fermana è sempre stata la mia casa e la mia prima scelta: è davvero un piacere essere tornato qua e potermi mettere a disposizione di una Società così seria e di un gruppo così compatto, fatto da grandi uomini prima che calciatori”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti