facebook twitter rss

La scuola elementare di Fiastra
in campo per aiutare gli anfibi

SIBILLINI - Si è svolto stamani a Fiastra il “Save the Frogs Day”, la Giornata organizzata dall’Ente Parco e dalla Societas Herpetologica Italica per la pulitura di un vecchio fontanile
Print Friendly, PDF & Email

Questa mattina i 18 bambini della scuola elementare di Fiastra si sono cimentati, con interesse e divertimento, nella ripulitura di un fontanile abbandonato. “L’iniziativa è stata organizzata dal Parco, con la collaborazione del Reparto Carabinieri dell’Ente e del Centro di Educazione Ambientale Valle del Fiastrone, in occasione del “Save the Frogs Day”, un evento internazionale – spiegano dall’ente Parco dei monti Sibillini –  istituito nel 2008 dall’associazione americana “Save the Frogs!” e giunto alla decima edizione.


L’evento è finalizzato alla sensibilizzazione ed educazione della popolazione mondiale sulla tematica degli anfibi e del loro declino. Si tiene ogni anno l’ultimo sabato di aprile e, quest’anno, in Italia sono state organizzate 11 iniziative tra le quali quella di Fiastra.
Nel territorio del Parco sono censite 14 specie di anfibi, molte delle quali rare e di interesse comunitario. Si tratta, infatti, di animali molto fragili in quanto legati ad habitat in genere di dimensioni molto ridotte, come appunto i fontanili, e soggetti a forti modificazioni. Anche i cambiamenti climatici possono avere effetti negativi sulla loro sopravvivenza e, per tale motivo, gli anfibi rappresentano buoni indicatori sulla qualità e sulle trasformazioni dell’ambiente.
L’intervento di oggi, pur nella sua semplicità, ha consentito di ricreare un ambiente adatto alla riproduzione di 10 specie di anfibi e costituisce un primo passo verso azioni più diffuse sul territorio per il recupero di fontanili abbandonati; ciò consentirà non solo di favorire la conservazione di queste piccole e interessanti creature, ma anche di ripristinare punti d’acqua utili alle altre specie faunistiche, agli escursionisti e alle attività pastorali tradizionali”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti