facebook twitter rss

Addio a Nazzareno Cappella,
memoria fotografica di Sant’Elpidio a Mare

SANT'ELPIDIO A MARE - Si è spento a 75 anni il fotografo che per oltre mezzo secolo ha immortalato personaggi ed eventi della città
mercoledì 5 Dic 2018 - Ore 15:26
Print Friendly, PDF & Email

Nazzareno Cappella in uno scatto di Andrea Ponticiello

Le parole, pochissime, misurate. Gli scatti, a milioni. Spesso, quando muore una persona nota, si dice che “se ne va un pezzo di storia”. Ma con Nazzareno Cappella è come se se ne andasse tutta la storia di Sant’Elpidio a Mare di oltre mezzo secolo, gelosamente custodita negli infiniti volti, celebrazioni, eventi immortalati con la sua Reflex. Nazzareno è morto stamattina, all’ospedale di Fermo, a 75 anni. Domani alla Collegiata, alle 15, si celebreranno i funerali. Un addio in punta di piedi, silenzioso, com’era nel suo stile.

Dagli anni 60 ad oggi è stato la memoria fotografica di un paese che amava profondamente e che ha raccontato come nessuno, con la sua presenza fissa, ma sempre garbata, a qualsiasi manifestazione pubblica. Una quantità sterminata di scatti che sono testimonianza di persone, momenti di una città che cambiava e che lui ha contribuito a tenere vivi con le sue immagini, per preservarne il ricordo. Qualche anno fa, su spinta dell’amico Giovanni Martinelli, ha esposto la mostra “100 volti un paese”, nell’ambito della Festa delle confraternite intitolata al beato Frassati. Era una collezione di sue immagini di protagonisti della vita elpidiense, poi diventata un libro, edito da Andrea Livi.

Di poche parole, ma mai banale; schivo, quasi imbarazzato quando qualcuno gli riconosceva i meriti ed il valore del suo lavoro; attento osservatore del mondo che lo circondava e con una passione viscerale per la fotografia, sin da giovanissimo. Ha immortalato chiunque, non gli piaceva, invece, essere fotografato, preferiva stare dietro l’obiettivo, mai davanti. Chi lo ha conosciuto non può che custodirne un ricordo affettuoso e davvero merita che il suo paese lo onori, valorizzando e dando il giusto riconoscimento alla sua sterminata collezione fotografica, che è patrimonio di una comunità.

(Nell’immagine in evidenza, uno scatto di Andrea Ponticiello)

P.Pier.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page

Caricamento..

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X