facebook twitter rss

Laboratorio civico sulle agevolazioni
Imu: “Caricate a salve,
non convengono ai proprietari”

PORTO SANT'ELPIDIO - I civici esaminano gli sgravi Imu previsti in bilancio dall'Amministrazione comunale: "Chi rinegozia il canone perderebbe 3.500 euro l'anno per godere di una riduzione d'imposta da 960, un affarone"
Print Friendly, PDF & Email

Nel bilancio di previsione 2019 varato dalla giunta Franchellucci e prossimo al passaggio in Consiglio comunale a Porto Sant’Elpidio, una delle novità a cui l’Amministrazione comunale ha lavorato di più riguarda le misure per incentivare il commercio locale, con gli sgravi all’Imu per chi affitta i propri locali. Riduzioni applicate a tutto il territorio comunale, che interesseranno chi concede in locazione superfici per apertura di nuove attività e chi pratica sconti di almeno il 20% sui contratti già in essere.

Ma secondo il Laboratorio civico, quelle misure difficilmente riusciranno a sortire effetti, perchè “caricate a salve”. Per il gruppo capitanato da Alessandro Felicioni, “purtroppo lo sconto per il proprietario non copre nemmeno la metà della perdita di incasso dovuta alla riduzione del canone per almeno il 20%. Per contro, l’aumento dell’aliquota per i locali sfitti fa aumentare, senza se e senza ma, le imposte dovute da chi, agevolazioni o no, non riesce ad affittare i propri locali”.

Entrando nel dettaglio, i civici pongono l’esempio di un negozio da 150 metri quadrati, con un affitto mensile di circa 1.500 euro (in linea con i valori medi OMI) ed una rendita catastale di 4.750 euro. “Calcolatrice alla mano, se il proprietario volesse rinegoziare il canone con il negoziante conduttore dovrebbe rinunciare a circa 3.500 euro all’anno per godere della riduzione IMU di circa 960 euro, con una perdita di più di 2.500 euro. Un affarone. – nota il Laboratorio – La riduzione che poi dovrebbe incentivare all’apertura di nuove attività fa tenerezza. Su un imponibile di 10 mila euro lo sconto è di 25 euro. Per chi invece ha ancora il negozio sfitto l’imposta aumenta; di una sciocchezza, è vero, però aumenta. E siccome i negozi sfitti sono tantissimi, quelli affittati ex novo saranno pochissimi e quelli a canone rinegoziato ancor meno, siamo sicuri che la manovra comporti una riduzione complessiva dell’imposta? Riflettiamo”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti