facebook twitter rss

Stoccafisso e vino: al polo Urbani la conviviale per recuperare le tradizioni

PORTO SANT'ELPIDIO - In collaborazione con Accademia dello stoccafisso e Associazione italiana sommelier, un incontro, laboratori e cena finale per premiare i migliori abbinamenti
Print Friendly, PDF & Email

Una nuova collaborazione del Polo scolastico Urbani, all’insegna della valorizzazione delle eccellenze locali. L’istituto alberghiero di Porto Sant’Elpidio ospiterà venerdì una giornata dedicata allo Stoccafisso alla Fermana, insieme all’omonima Accademia ed ai migliori collegamenti con il vino, curati dall’Associazione italiana sommelier. Si inizierà in mattinata con una conferenza dedicata allo stoccafisso alla Fermana. Nel pomeriggio, i ragazzi dell’alberghiero parteciperanno ad un laboratorio pratico di cucina, insieme allo chef dell’Accademia Guido Gennaro. Il clou in serata, con la cena, a partire dalle 20, nella sala conviviale dell’istituto, al termine della quale, la giuria popolare individuerà, tra i 4 vini finalisti, i migliori abbinamenti con lo stocco.

All’appuntamento collaborano Tipicità, l’Accademia dello stoccafisso all’anconetana, l’Accademia della cucina italiana, il Consorzio tutela vini del Piceno. Hanno partecipato le aziende vitivinicole Rio Maggio Montegranaro, Fausti Vini Fermo, Terra Fageto Pedaso, Madonna Bruna Fermo, Maria Pia Castelli Monte Urano, Santa Liberata Fermo, Sgaly Ortezzano, Di Ruscio Campofilone, Cantina Ortenzi Fermo, Lumavite Rapagnano.

“Abbiamo risposto positivamente alla proposta di collaborare per la riscoperta di questo piatto del territorio – osserva il prof. Mario Andrenacci – Oltre alla serata con menù di stoccafisso, la mattina si svolgerà l’incontro con i ragazzi del terzo anno alberghiero, anno in cui ci si sofferma proprio sulla tradizione enogastronomica del territorio. Nella mattinata esperti ci parleranno dello stoccafisso, nel pomeriggio laboratorio con il prof. Piermarini con gli alunni che si cimenteranno nella preparazione di questi piatti”. Il dirigente Roberto Vespasiani rimarca “il valore anche culturale della cucina, con questa iniziativa l’Istituto alberghiero si innesta nel territorio e nelle sue tradizioni”.

Per il presidente dell’Accademia dello stoccafisso Saturnino Di Ruscio, “era importante trasmettere ai giovani un piatto della tradizione, preparato da secoli nelle campagne. Attualmente c’è gente molto anziana che porta avanti questa ricetta, c’è il rischio di perderla. Alla cena parteciperanno soci dell’Accademia, membri della giuria tecnica, rappresentanti delle istituzioni e giornalisti. Il giudizio non sarà sulla qualità dei vini, ma sul migliore abbinamento”.

Il prof. e chef Pierpaolo Piermarini è pronto “a dare una mano in cucina insieme agli studenti. A scuola facciamo ricerca per conoscere i piatti tipici che ci rappresentano, la loro origine e la loro provenienza. I miei ragazzi hanno accettato con entusiasmo perché vogliono vedere la preparazione dello stoccafisso e imparare a farla. Anche l’esame verterà sui prodotti tipici e quindi, quale occasione migliore? Cureremo la preparazione di antipasto e dolce, poi daremo una mano per il primo ed il secondo. In cucina ci saranno 15 ragazzi tra terzo e quarto anno”.

In chiusura, il presidente Ais Stefano Isidori: “Mantengo un po’ di suspence, riveleremo solo venerdì sera i 4 vini finalisti che la giuria sarà chiamata a votare”.

P.Pier.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X