facebook twitter rss

La Hertz Cagliari felice
come una Pasqua: la Poderosa cade
in casa ma pensa già ai playoff

SERIE A 2 - Gran finale di regular season: la sarda Dinamo Academy è arrivata a Porto San Giorgio con l’unico obiettivo di salvarsi matematicamente, la XL Extralight non ha regalato nulla agli avversari ultramotivati, ma tende già le orecchie alle avversarie che dovrà affrontare dalla prossima settimana
Print Friendly, PDF & Email

 

di Silvia Remoli

PORTO SAN GIORGIO – E’ un Cagliari scatenato quello che approda al PalaSavelli: ha affrontato una lunga trasferta ma è guidato da una forte motivazione, ossia la salvezza matematica.

Sa che solo battendo i casalinghi potrà permanere in Serie A2, regalando così una gran gioia ai suoi fedelissimi giunti dalla Sardegna, pochi ma buoni, i quali meriterebbero tale sospiro di sollievo solo per la tenacia e la grinta con cui hanno sinora sostenuto la loro Dinamo Academy. In ottica playoff invece alla Poderosa cambierebbe ben poco, visto che rimarrebbe terza dietro a un Treviso che ha concluso in maniera perfetta il finale della regular season.

IL TABELLINO

XL EXTRALIGHT MONTEGRANARO 102: Treier 14, Angellotti NE, Testa 6, Mastellari 17, Simmons 9, Palermo 11, Petrovic 6, Negri NE, Corbett 39, Amoroso NE, Traini 0. All. Cesare Pancotto

HERTZ CAGLIARI 104: Miles 23, Allegretti 6, Rullo 5, Gallizzi NE, Rovatti 0, Bucarelli 14, Johnson 21, Picarelli 7, Diop 22, Janelidze 6. All. Alessandro Iacozza

ARBITRI: Moretti, Saraceni, Calella

PARZIALI: 21-29, 28-23, 17-20, 36-32

LA CRONACA

Sono Petrovic, Simmons, Palermo, Corbett  e Treier i 5 schierati da Pancotto contro Miles, Rullo, Johnson, Picarelli e Janelidze di coach Iacozza.

La Poderosa sente da subito la mancanza del capitano nella rosa iniziale: Amoroso si sta riprendendo da un problema al ginocchio, risparmiandosi in vista dei playoff. Dopo due minuti di gioco i sardi dominano per 7-0. Ci pensa Simmons a mettere i primi punti nel cesto, ma Miles risponde da 3 ed è uno schiacciante 2-15. Entrano Traini e Mastellari per Petrovic e Palermo. Il Cagliari chiama il time-out non appena la Poderosa si risveglia e risale a meno 6 (11-17). Iacozza fa dei cambi ad hoc (Diop, Allegretti e Bucarelli) per rinfrescare i suoi. La difesa gialloblù scricchiola e fa penetrare di nuovo Miles. Mastellari con un fallo manda in lunetta Allegretti che realizza due liberi e subito dopo un canestro da due:19-27. Petrovic non demorde e risponde ma poi fa fallo a Bucarelli che però sbaglia il libero. Il primo quarto si conclude 21-29.

L’incipit del secondo quarto lascia ben sperare i gialloblù che, grazie all’innesto di Testa, si portano a meno 3: 26-29. Per la prima volta in lunetta Simmons realizza il 50% del possibile; Janelidze e Allegretti scatenati mentre Miles ottiene due tiri dalla lunetta per fallo di Testa e gli isolani tornano a più dieci: 27-37. I ragazzi di Pancotto sembrano aver ricevuto la scossa per la seconda volta, e di nuovo spaventano gli ospiti che chiedono il time out sul 43-45.

Continua il botta e risposta tra le due compagini, con una Poderosa che dimostra che non da nulla per scontato e chiude prima della pausa lunga 49-52.

Cambia il campo e cambia anche la musica: è la XL Extralight ad inaugurare il quarto di gioco e va un punto di distacco. Ma la Hertz Cagliari non ama il fiato sul collo: 51-56. Ma Filippo Testa va da tre e Simmons schiaccia su passaggio di Traini: è parità 56-56. La gioia dura poco, il Cagliari di nuovo in vantaggio , grazie anche al fallo di Testa su Diop: 56-60. La partita diventa sempre più fisica e il contatto sembra il motivo delle azioni. Johnson inarrestabile fa distanziare al Hertz: 63-70. Mastellari va da tre, ma Bucarelli gioca d’opportunismo e fa mantenere il vantaggio ai suoi: 66-72 è il punteggio su cui si chiude il terzo tempo.

Negli ultimi 10 minuti è Mastellari show: se non fosse per le sue triple il Cagliari sarebbe già volato, anzi non sembra affatto stanco e pare proprio voglia spiccarlo questo volo verso la salvezza, infatti in tre minuti viaggia a più undici: 74-85La Poderosa risale anche grazie a Corbett in lunetta con 28 punti personali: 81-85. L’americano raggiunge poi la sua quota 33 con altre due  schegge delle sue: 87-89. Gli isolani si staccano con Diop che porta i suoi a più 9. Treier in lunetta è infallibile: 90-97 a due minuti dall’ultima sirena. Mastellari risponde con una tripla ed il time out è d’obbligo per Iacozza. Mastellari da tre ancora una volta: 96-101 quando mancano 20 secondi. Spettacolare ultimo quarto di Corbett che con una tripla va a meno due. Diop va però in lunetta e non sbaglia. Corbett in lunetta ed è finale al cardiopalma: 101-102. La Dinamo Academy è furiosa e fa fallo su Corbett, perfetto a quota 39, che va in lunetta: 102-104. La sirena suona. Cagliari può festeggiare e mantenere il più bel ricordo possibile di Porto San Giorgio, è il caso di dire, felici come una Pasqua. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti