facebook twitter rss

Danni dei cinghiali, Pieroni replica
alla Marcozzi: “Noi sempre attenti,
non accetto sentenze per fare polemica”

CINGHIALI - L'assessore regionale Moreno Pieroni replica alla capogruppo Fi sulla protesta dell'allevatore/agricoltore di Amandola, Pino Vitali
Print Friendly, PDF & Email

L’assessore regionale Moreno Pieroni

“La Regione Marche segue costantemente e da tempo la questione degli indennizzi per i danni alle coltivazioni agricole: un tema che sta a cuore a me personalmente e a tutta la giunta regionale, con il presidente Ceriscioli e la vicepresidente Casini in testa. L’argomento è stato oggetto di ripetuti incontri e confronti con il mondo venatorio, con le associazioni di categoria degli agricoltori, con tutti i soggetti interessati per cercare soluzioni e collaborazioni costruttive per la riduzione dei danni e per studiare insieme una semplificazione delle procedure. Lo stesso Piano regionale di contenimento degli ungulati è una dimostrazione pratica dell’attenzione che la Regione Marche pone verso questo problema, consapevole che si tratta della sopravvivenza dell’economia agricola”. È quanto afferma l’assessore regionale alla Caccia, Moreno Pieroni, intervenendo sulla vicenda dell’azienda agricola Pino Vitali di Amandola.

Pieroni, in particolare, chiamato direttamente in causa dall’agricoltore, replica alla consigliera regionale Jessica Marcozzi (leggi l’articolo). “Per il caso specifico dell’agricoltore di Amandola, anche lui potrà riconoscere che è stato ascoltato più e più volte, da me e dagli Uffici regionali, anche nell’ultima, più recente occasione e che le sue richieste, purtroppo, vanno in una direzione opposta al dettato della normativa vigente. In ogni caso c’è da parte della Regione la precisa volontà di risolvere, nel miglior modo possibile, questa vicenda. La Regione non lascia solo nessuno, né abbandona i cittadini che hanno legittime richieste e per questo non accetto le considerazioni della consigliera regionale Marcozzi che emette sentenze senza conoscere i termini delle questioni e i fatti. Non mi meraviglia perché è costume generalizzato di alcuni politici non interessarsi sinceramente delle questioni personali di un cittadino, ma unicamente fermarsi alla superficie per cavalcare la polemica. Sarebbe invece buona regola, per un politico, prima informarsi sui fatti, sugli atti e sugli iter dei provvedimenti e solo dopo rilasciare dichiarazioni sulle presunte inerzie della giunta regionale, altrimenti si rischia di innescare una inutile disputa politica sulla pelle di chi vive problemi veri”.

Danni da cinghiali, Marcozzi: “Voglio fare chiarezza”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X