facebook twitter rss

Il campo di Liberto diventa comunale:
“Risolta una pratica sospesa dagli anni 90”

SANT'ELPIDIO A MARE - La soddisfazione del consigliere di maggioranza Maurizi:"Ora che quell'area è patrimonio pubblico l'ente potrà investire per riqualificarla"
Print Friendly, PDF & Email

Con l’ultimo Consiglio comunale del 2020 a Sant’Elpidio a Mare, svolto la sera del 30 dicembre, si è risolta anche una pratica sospesa da lunghissimo tempo. E’ quella relativa alla lottizzazione di via don Benedetto Berdini, al quartiere Angeli. Diventa formalmente di proprietà comunale l’area che comprende il campetto da calcio, noto a tutti come campo di Liberto, l’area verde con l’edicola sacra ed un terreno agricolo limitrofo. Un risultato salutato positivamente dal consigliere di maggioranza Paolo Maurizi, della lista Partecipazione democratica. “Come consigliere di riferimento per il quartiere Angeli, ho seguito con attenzione questa pratica e sono contento si sia risolta una vicenda che risaliva agli anni 90 – commenta – Ringrazio tutta l’amministrazione a partire dal sindaco Alessio Terrenzi, la maggioranza e in particolare il segretario generale Alberto Cesetti per aver lavorato a questo obiettivo”.

L’area è sempre stata fruibile alla collettività, ma non aveva proprietari. Una convenzione datata 1974 prevedeva che il lottizzante la cedesse gratuitamente al Comune. Poi la proprietà del terreno passò di mano, fino ad arrivare ad una procedura fallimentare negli anni 90. Quella cessione prevista, quindi, non si era mai concretizzata. Il Comune in questi mesi, studiata la pratica, ha proceduto all’acquisizione formale, a titolo gratuito, votata favorevolmente da tutti i consiglieri nell’ultima seduta dello scorso anno. Nella pratica non cambia molto, nel senso che sia il campo da calcio che l’area verde sono sempre stati aperti al pubblico. A prendersi cura del sito è stata l’associazione di quartiere Le querce degli angeli, che ha tenuto in ordine la zona e negli anni acquistato giochi per bambini. La differenza sostanziale è che ora l’ente potrà investire per interventi di miglioramento e riqualificazione. “Fino ad oggi il Comune non poteva investire risorse su un’area non di proprietà – commenta il consigliere Maurizi – Con questa acquisizione, d’ora in poi, si potranno programmare investimenti per rendere sia il campo da calcio che l’area verde più accoglienti e funzionalie per la pratica sportiva e l’aggregazione di bambini e famiglie”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X