fbpx
facebook twitter rss

La forza di ripartire dopo la tragedia:
“l’Antica brace” riapre i battenti

Print Friendly, PDF & Email
Samuele Sgariglia

Samuele Sgariglia

Ha riaperto il ristorante “L’antica brace” a Porto Sant’Elpidio, dopo pochi mesi dalla tragedia che ne ha colpito proprietari e staff. E’ una storia di forza di volontà, amore per il proprio lavoro e voglia di andare avanti quella di Samuele Sgariglia e di Simone Cesaroni rispettivamente fratello e compagno di Gessica Sgariglia, 33enne montegranarese che lo scorso 28 marzo è tragicamente scomparsa in un incidente stradale. In  quella mattina maledetta, lungo la strada Mezzina che collega proprio il comune di Montegranaro a Porto Sant’Elpidio, Gessica si trovava sul lato passeggero, mentre alla guida c’era proprio Simone. Stavano andando ad aprire il loro ristorante, per il pranzo di Pasquetta. Una giornata di lavoro importante, che avrebbe concluso un week-end di “fuoco” considerando le feste pasquali. Gessica e Simone però al ristorante non sono mai arrivati. Lei morta sul colpo in seguito all’urto, lui costretto ad una delicata operazione con il presagio di non poter più camminare. Uno scenario orribile che ha costretto la famiglia Sgariglia, ad una decisione immediata di chiudere il locale e mettere in vendita l’attività. “Non ce la faccio a ritornare lì dentro, tutto mi ricorda mia sorella”. Erano queste le parole di Samuele, fratello minore di Gessica, nei giorni dopo l’incidente. Un pensiero che poi però, grazie anche alla voglia e alla forza di Simone Cesaroni è cambiato col passare del tempo. E’ stato proprio lui a voler ricominciare, dopo aver superato l’operazione, essersi rimesso in piedi e ricominciato a prendere in mano mestoli e padelle. Lui era il cuoco, Gessica e Samuele stavano in sala, era stata fin dal 2012 anno di apertura, la composizione del ristorante. Proprio con questo stesso spirito, nella voglia di ricordare Gessica, i due hanno deciso di riprovare. “Abbiamo ricominciato in modo graduale, dallo scorso 1 settembre con orario serale a partire dalle 19,30 – spiega Samuele, voglioso di ricominciare –  Poi per il momento anche il sabato e la domenica a pranzo lavoreremo anche se solo su prenotazione”.

Maikol Di Stefano

14281559_10209145599149311_1831919870_n (1)

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X