fbpx
facebook twitter rss

Peschereccio si incaglia al porto,
Senzacqua alla carica: “Loira Pinocchio, promette e non mantiene”

PORTO SAN GIORGIO - Il coordinatore della Lega nord: "Hanno ucciso la marineria. Tre pescherecci bloccati in altri porti. Quelli rimasti sono in una situazione critica"
Print Friendly, PDF & Email
Il porto peschereccio

Il porto peschereccio

Prova a uscire dal porto per andare a pescare ma resta incagliato. Ed è costretto a tornare in banchina perdendo una giornata di lavoro. E’ la disavventura, purtroppo ultima di una lunga serie, capitata a un armatore sangiorgese che questa mattina è rimasto incagliato con il suo peschereccio nel canale di ingresso dell’approdo. E giù polemiche con il coordinatore comunale della Lega nord, Fabio Senzacqua, a sparare a zero contro l’amministrazione: “Siamo all’inverosimile. Qui c’è gente che, nonostante tutte le difficoltà del mercato e delle tasse, vuole continuare a lavorare.

a destra Fabio Senzacqua

a destra Fabio Senzacqua

Ma l’indifferenza dell’amministrazione non glielo consente. E’ una situazione inaccettabile – tuona Senzacqua – i sangiorgesi, a partire dalla marineria, stanno pagando un atteggiamento assurdo dell’amministrazione e del primo cittadino Nicola Loira che si dimostra sempre più Pinocchio, insomma fa le promesse come quella su un dragaggio risolutivo, e poi non le mantiene. Hanno ucciso la marineria. Sì perché delle poche imbarcazioni rimaste della flotta cittadina, due se ne sono andate a San Benedetto del Tronto, e lì una vende anche il pesce con nocumento per il mercato ittico e quindi per le casse comunali, e una terza a Civitanova Marche. Questi armatori, non potendo rientrare a casa, sono oltretutto costretti a spese extra. E parliamo di migliaia e migliaia di euro. E quelli rimasti? Non possono uscire dal porto. E’ ora di mettere fine a questo scempio e a questa amministrazione. Noi della Lega nord siamo e sempre saremo dalla parte di chi lavora e di chi vuole farlo nonostante gli ostacoli e gli impedimenti di un’amministrazione cieca“.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X