facebook twitter rss

E’ all’aperto il primo matrimonio post sisma ad Amandola

Print Friendly, PDF & Email
Marco Rossi e Laura Carucci

Marco Rossi e Laura Carucci

 

I recenti eventi sismici hanno messo a dura prova Amandola e i suoi abitanti. La maggior parte degli edifici pubblici è inagibile e tutte le chiese più o meno danneggiate. Così per celebrare un matrimonio, sabato scorso, sono stati scelti i giardini pubblici.

Hanno voluto fortemente sposarsi nel paese di nascita i due amandolesi doc, Marco Rossi e Laura Carucci. All’aperto. Questo sembra il destino dello sposo che, già a seguito del terremoto del 1997, aveva ricevuto il sacramento della Confermazione nel piazzale del camposportivo.

Marco e Laura sono due validi educatori di Azione Cattolica che hanno avuto il dono dagli angeli custodi di una meravigliosa giornata di sole a lungo sperata in una suggestiva ambientazione autunnale per scambiarsi la loro promessa d’amore.

E’ il primo matrimonio celebrato dopo il sisma, in una cornice insolita che ha richiamato l’attenzione della popolazione e ricevuto il plauso degli invitati per la particolare e meticolosa organizzazione dell’evento. Una testimonianza di attaccamento al territorio, alla sua cultura e il desiderio di guardare avanti con fiducia nel rispetto di tradizioni e valori puri.

 

Il maestro Adrian Theodor Vasilache

Il maestro Adrian Theodor Vasilache

Profondamente religiosi e talmente veri e concreti, i due sposi hanno voluto offrire la struttura organizzativa dell’evento all’AIDO per celebrare la giornata domenicale di vendita dell’anthurium. Così nel pomeriggio di ieri, ad Amandola, i volontari hanno venduto la pianta simbolo dell’associazione, accompagnati da una celestiale musica di Chopin suonata dal maestro Adrian Theodor Vasilache grazie alla collaborazione della scuola di musica e danza “La Fenice”.

 

Anche questo un fatto inconsueto, un esperimento ben riuscito voluto dai familiari di Roberto Mancini, il giovane amandolese, recentemente scomparso, i cui organi donati hanno ridato speranza a persone in attesa di trapianto.

In Amandola il cuore trema ancora per la paura delle scosse ma si scuote e batte per la vita, sempre.

Di Paola Eleuteri

Il matrimonio ai giardini pubblici di Amandola

Il matrimonio ai giardini pubblici di Amandola

4

2-1


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X