facebook twitter rss

“Abbiamo costretto l’amministrazione
a un provvidenziale dietrofront”

MONTEGRANARO - Il consigliere di ViviAmo Montegranaro: "E Perugini non ci racconti frottole. Nessuno perderebbe i fondi regionali per la scuola Santa Maria dove ci sarebbero anche i topi. Quindi il Comune intervenga immediatamente"
giovedì 6 ottobre 2016 - Ore 11:16
Print Friendly, PDF & Email
immagine

Mauro Lucentini

“Alla fine hanno capito che avrebbero dato vita a una catastrofe”. Va giù pesante Mauro Lucentini, di ViviAmo Montegranaro dopo aver appreso che l’amministrazione, a seguito delle rimodulazioni al progetto che interessa viale Gramsci e largo Conti (leggi l’articolo). “Sono soddisfatto del dietrofront perché le opposizioni unite, i commercianti con circa 170 firme e i residenti con circa 1.300 sottoscrizioni, sono riusciti a frenare l’operato potenzialmente devastante dell’amministrazione. Quel progetto pensato dalla giunta avrebbe deviato il traffico nel centro storico, una mossa scellerata che avrebbe comportato un sovraccarico di auto in una zona della città che già soffre di problemi strutturali. Tornano così il doppio senso di marcia e i parcheggi. Di questo non possiamo ringraziare le opposizioni, i commercianti e i residenti del centro storico per la determinazione nel contrastare un progetto folle come quello inizialmente presentato dalla giunta”. Lucentini ne ha anche per l’assessore Perugini: ” Che fornisce un’immagine della realtà assolutamente non corrispondente al vero. E ci fa anche il presidente della provincia”.

aronne-perugini

L’assessore Aronne Perugini

Sì perché Lucentini vorrebbe che i soldi per il progetto della discordia fossero destinati alla scuola Santa Maria. “Alcuni genitori ci hanno detto di avervi visto anche dei topi. Ma ci rendiamo conto? E Perugini cosa dice? Che il Comune potrebbe perdere i fondi provenienti dalla Regione (pari a 580 mila euro) se si investisse subito con risorse comunali. Nulla di più falso. Quei soldi sono già previsti nel piano triennale 2015/2017 per l’edilizia scolastica. Il Comune dovrebbe solo anticiparli per poi introitare quelli provenienti da Ancona. Insomma prima di spendere i soldi in viale Gramsci sistemino la scuola di Santa Maria e verifichino le condizioni degli altri plessi scolastici“.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page

Caricamento..

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X