facebook twitter rss

Ruba nei bar, sperona una volante
e ferisce due poliziotti:
in manette un giovane fermano

Print Friendly, PDF & Email

polizia 2

di Giorgio Fedeli

Notte di ordinaria follia per un ragazzo fermano, A.M. le iniziali che ieri ha seminato il panico in città. Ma alla fine non è sfuggito agli agenti della polizia che dopo inseguimenti rocamboleschi, e anche dopo essere stati investiti dal giovane, sono finalmente riusciti a mettergli le manette. E ora A.M. dovrà rispondere di resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Il ragazzo è stato anche indagato in stato di libertà per i reati di lesioni, furto aggravato, rapina impropria e danneggiamento aggravato. Ma andiamo per ordine.

Verso le 22 di ieri è arrivata alla sala operativa del commissariato di Pubblica Sicurezza di Fermo, guidato da Leo Sciamanna, una segnalazione da parte del titolare di un esercizio pubblico di Fermo che ha raccontato agli agenti che poco prima un giovane aveva rubato la borsetta di una sua cliente, borsetta che era stata recuperata dallo stesso titolare del negozio che si era posto all’inseguimento del ladro e raggiuntolo, a termine di una breve colluttazione, era riuscito a riprendersi il bottino. Ma circa 30 minuti più tardi la sala operativa è stata nuovamente contattata dal titolare di un’altra attività commerciale del centro perché poco prima un giovane, approfittando di una breve distrazione della dipendente, si era impossessato di un cassetto del registratore di cassa che però non conteneva denaro ma solo scontrini fiscali. Il cassetto è stato poi rinvenuto in località Paludi di Fermo da un passante.

In entrambi i casi l’autore dei furti è stato descritto come una persona di circa 25/30 anni, corporatura magra, altezza media, rasato a zero e con addosso un maglione di colore blu con lo scollo a V sulla parte posteriore.

DOPO I TENTATI FURTI, IL DELIRIO IN STRADA

A quel punto gli agenti si mettono in moto, alla ricerca del ladro. Poco prima della mezzanotte un poliziotto della sala operativa del Commissariato ha notato transitare in via Pompeiana, quindi proprio davanti al commissariato, una Fiat Panda di colore chiaro il cui conducente corrispondeva alle descrizioni dell’autore dei due episodi criminosi. A quel punto l’operatore ha allertato il personale delle volanti che, trovandosi in  via Virgilio ha raggiunto in un istante la Fiat Panda in viale Triste nei pressi dell’istituto bancario presente lungo la strada. Il conducente del veicolo, a quel punto, si è visto costretto ad arrestare la marcia perché stretto dall’auto della polizia. L’uomo, però, nel tentativo disperato di darsi la fuga ha ingranato rapidamente la retromarcia riuscendo a ripartire ma, dopo pochi metri è stato nuovamente bloccato dalla Volante. Uno degli operatori sceso dall’auto per bloccare l’uomo è stato investito dalla Fiat Panda. E giù con A.M. a ripartire ancora una volta finendo però contro il cofano della Volante. Un impatto che non lo ha fatto desistere. E via a ripartire nuovamente a forte velocità, inseguito dalla polizia. Giunto in prossimità dell’area dell’incrocio che viale Trieste forma con via del Crocifisso il conducente della Fiat Panda ha anche centrato un paletto. Nel suo tentativo disperato di darsi alla fuga l’uomo alla guida della Panda ha innestato nuovamente la retromarcia collidendo ancora una volta con il muso della Volante. Quindi, sceso dal mezzo, si è dato alla fuga a piedi cadendo però dopo poco a faccia avanti e riportando varie lesioni. A quel punto la sua fuga si è definitivamente conclusa, con le manette ai polsi. L’uomo è stato identificato e tratto in arresto per i reati di resistenza e violenza a pubblico ufficiale e contestualmente indagato in stato di libertà per i reati di lesioni, furto aggravato, rapina impropria e danneggiamento aggravato. Sul posto è arrivata anche un’ambulanza che ha accompagnato l’arrestato al pronto soccorso. L’uomo si trova tuttora ricoverato in ospedale.

I due agenti di Polizia, andati poi al pronto soccorso sono stati giudicati guaribili in sette giorni, nel caso del capopattuglia investito dalla Fiat Panda, e in cinque giorni per l’altro poliziotto caduto a terra quando l’auto della polizia è stata speronata per l’ennesima volta dal veicolo utilizzato dal ladro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X