facebook twitter rss

Ciarrocchi: “Biodigestore
soluzione per gli odori,
ok le critiche ma quelle costruttive”

FERMO - Domani sera si terrà una commissione aperta. Il delegato all'ambiente: "Invito tutti a partecipare". Isole ecologiche "la soluzione migliore". Abbandono di rifiuti: "richiesta di istallazione di telecamere sul territorio e presenza di due vigili che controlleranno"
Print Friendly, PDF & Email

20161024_111753 Negli ultimi giorni sulla stampa si parla molto della commissione ambiente del comune di Fermo convocata per domani alle 21,30, in seduta pubblica, unicamente incentrata sulla discarica di San Biagio. Con questa premessa l’assessore comunale all’ambiente, Alessandro Ciarrocchi ha convocato una conferenza stampa: “Vorrei che Asite mostrasse i piani industriali per la discarica, cosa che ci viene chiesta anche dai cittadini e vorrei fossero resi noti anche ai componenti della commissione. Questa è la quarta, sullo stesso tema, che viene convocata da me. Alla prima commissione – ricorda Alessandro Ciarrocchi – c’erano due esponenti della minoranza (Movimento 5 Stelle e Altra Fermo). In quell’occasione la riunione era chiusa ma appena ho visto che dal Movimento 5 Stelle si montava una polemica ho interrotto tutto e ho rinviato di tre giorni, organizzando una seduta aperta sia al pubblico che alla stampa. Domani sera, quindi, il presidente dell’Asite, Roberto Cippitelli, illustrerà i progetti”. E sarà l’occasione per un confronto e una riflessione, cui l’assessore ha invitato rappresentanti del comitato discarica e dell’associazione Legambiente.
“I rifiuti che arrivano da Roma nella discarica di San Biagio – prosegue Ciarrocchi – sono un problema che l’amministrazione si è posto e vorremmo che tale conferimento fosse ridotto fino ad annullarlo. Questo obiettivo non è realizzabile in breve tempo ma nel lungo periodo, capendo quali strategie attuare insieme ad Asite, contestualmente al miglioramento della qualità del lavoro degli operai in discarica. Il progetto dell’impianto biodigestore, ad esempio, va in questa direzione”. Poi l’assessore Ciarrocchi precisa che “gli odori della discarica provengono dal trattamento organico sui nostri rifiuti, non quelli provenienti da altri bacini, perché è fatto in maniera desueta. La prima convocazione della commissione, che venne fatta proprio presso la discarica, era finalizzata a far capire ai consiglieri questo concetto. Vorremmo arrivare ad un trattamento in assenza di ossigeno e quindi con riduzione di odori. Asite non lavora separata dall’amministrazione comunale e in maniera incontrollata, anzi, la stessa amministrazione ha imposto un controllo di gestione per tenere sott’occhio i costi su tutti i settori: dalla discarica alla raccolta fino al servizio di refezione scolastica. Invito quindi la minoranza a non mandare a vuoto la nuova convocazione della commissione e a non strumentalizzarla. Le critiche vanno bene se sono costruttive”.
Sulla raccolta differenziata e sulle isole ecologiche aggiunge: “Attualmente si sta portando avanti una sperimentazione con il conferimento mediante pesatura a Santa Caterina che sta dando dati eccellenti. Questo è il modo con cui si arriverà al miglioramento. Dopo uno studio di fattibilità abbiamo proceduto con le isole ecologiche che sono state piazzate. Noi abbiamo scelto di accelerare i tempi dopo anni in cui non si sono fatte scelte. Altro obiettivo è usare gli utili dell’Asite per gli investimenti, come le isole ecologiche. Poi c’è la riduzione della Tari derivante da minori costi connessi all’uso di strumenti informatici come le isole ecologiche informatizzate a Lido Tre Archi”.
20161024_111748 Infine, sui conferimenti illeciti di rifiuti, l’assessore all’ambiente comunica  la “richiesta di istallazione di telecamere sul territorio e la presenza di due vigili che controlleranno. Il verde sarà progettato per quartieri creando delle squadre con i nuovi assunti a tempo determinato dall’Asite che opereranno nei quartieri, e i cittadini saranno a conoscenza di quando la squadra arriverà nelle loro zone: saranno sia squadre fisse che una mobile”.

Il consigliere comunale di maggioranza, Massimo Monteleone ha aggiunto che “nell’ultima commissione convocata non c’è stata né discussione politica né tecnica sulla progettualità dell’Asite ma una brutta scena da parte della minoranza su un tema delicato. La strategia dell’amministrazione comunale con Asite è chiara – sintetizza Monteleone – raccolta differenziata spinta; usare gli utili per progettualità che vadano a migliorare l’aspetto ambientale di Fermo. Auspico quindi che i consiglieri partecipino, domani sera, con spirito costruttivo, e capiscano la volontà di dialogare da parte dell’amministrazione comunale, viste le 4 commissioni convocate finora. Asite è una risorsa e va fatta crescere come azienda con una progettualità”.

Alessandro Giacopetti


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X