facebook twitter rss

Sussidiarietà e politiche industriali,
il report è pronto

FERMO - Il presidente della fondazione San Giacomo della Marca, Massimo Valentini: "Questo studio è importante in primo luogo per gli imprenditori che possono prendere più consapevolezza di quanto sono decisive alcune qualità della propria personalità per le performance d’impresa"
lunedì 24 ottobre 2016 - Ore 15:25
Print Friendly, PDF & Email
Massimo Valentini

Massimo Valentini

Domani, alle 17,30, nella sala consiliare della Camera di Commercio di Fermo, si svolgerà la presentazione del rapporto sulla Sussidiarietà 2016 intitolato: “Sussidiarietà e….politiche industriali”: l’evento è organizzato dalla fondazione San Giacomo della Marca in collaborazione con la Compagnia delle Opere Marche Sud, con l’università degli Studi di Bergamo, Cna Marche Sud e Confindustria Fermo. “Il rapporto su ‘Sussidiarietà e…politiche industriali’ intende contribuire al dibattito sui fattori che – fanno sapere gli organizzatori – permettono alle imprese italiane di essere competitive e crescere. Con questo obiettivo l’indagine affronta con sguardo critico l’idea che le performance dell’impresa dipendano essenzialmente da fattori strutturali o da meccanismi gestionali e strategici. La ricerca presentata in questo volume sottolinea invece la grande eterogeneità di comportamenti e risultati delle imprese italiane, anche tra aziende dello stesso settore, e sposta l’attenzione sul nesso tra i comportamenti, le attitudini e la “personalità” di chi guida l’impresa e le performance aziendali.

Il volume è stato realizzato in collaborazione con l’università degli studi di Bergamo e sarà Gianmaria Martini, ordinario di Economia politica all’università di Bergamo a presentare il rapporto. L’introduzione è a cura di Massimo Valentini, presidente della fondazione San Giacomo della Marca, con l’intervento di Paolo Petrini, vicepresidente Commissione Finanze della Camera dei Deputati”. “Questo studio – ha dichiarato Massimo Valentini – è importante in primo luogo per gli imprenditori che possono prendere più consapevolezza di quanto sono decisive alcune qualità della propria personalità per le performance d’impresa, qualità che possono essere curate ed educate. E’ inoltre importante anche per chi ha responsabilità politiche per rendere più selettive e quindi più efficaci le politiche industriali

“Diverse anche le testimonianze imprenditoriali tra cui quelle di Cristian Manoni di Nethesis srl, Gianluca Mecozzi del calzaturificio GianRos e Stefano Violoni di Violoni srl.

L’indagine del rapporto ha coinvolto 380 imprenditori e manager di imprese attive in quattro settori centrali per il Made in Italy: abbigliamento-tessile, agroalimentare-ortofrutta, macchine utensili, legno-arredo: anche per chi si occupa di politiche industriali e di competitività delle imprese è emersa l’importanza della persona, con le sue motivazioni, le sue relazioni ed i suoi valori.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page

Caricamento..

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X