facebook twitter rss

Il Camerano ha la meglio
sulla giovane Folgore Veregra

Santoni e Bondi, elementi di valore assoluto per la categoria, condannano i gialloblù alla nuova sconfitta di Eccellenza. Inutile la rete del solito Perrella
sabato 29 ottobre 2016 - Ore 19:43
Print Friendly, PDF & Email

folgore-veregra

CAMERANO (AN) – Migliorano le proporzioni ma il risultato non cambia. Certamente davanti ai recenti esiti (5-0 ad Urbania, 4-0 in casa contro la Sangiustese) quella maturata oggi sull’erba anconetana è decisamente una sconfitta di misura e dignitosa. Ad infliggere il nuovo forzato stop alla più giovane compagine dell’Eccellenza stagionale le firme di due calciatori con curriculum e stoffa di categorie superiori, vedi Bondi e Santoni.

IL TABELLINO

CAMERANO 2 (4-4-2): Verdicchio; Angelici, Santoni, E. Santoni, Polzonetti; Defendi (25’ st Cecchini), Bondi (18’ st Principi), Stella, Giacchetta; Donzelli (45’ st Polenta), Ma. Santoni. All. Montenovo

FOLGORE VEREGRA 1 (4-3-1-2): Morettini; Albano, Sako Olsyan, Padovani (21’ st Tomaj), Rapazzetti; Moroni (48’ st Caco), Sako Bejsan, Diallo; Vadalà; A. Perrella, G. Perrella. All. Gesuelli

ARBITRO: Castelli di Ascoli Piceno

RETI: 4’ Ma. Santoni, 20’ G. Perrella, 47’ pt Bondi

NOTE: Rapazzetti, Santini, Polzonetti, Tomaj, Dailo e Morettini

LA CRONACA

Un 2 – 1 esterno dunque, addolcito dalla rete del solito Perrella. L’esito di giornata ricalca le ultime esternazioni del nuovo tecnico folgorino Raffaele Gesuelli (leggi l’articolo), subentrato da tre giornate al posto dell’esonerato Saturnino Quinzi.

Dopo le pesanti prime due uscite, il neo mister gialloblù sembra così aver se non altro individuato la strada per strutturare un discorso tecnico e tattico migliore delle recenti prestazioni, ricalcando le performance del predecessore. Quinzi al termine dell’esperienza in gialloblù aveva infatti trovato la combinazione per, così dire, ambientare nel relativismo del caso giocatori alla prima esperienza over, assemblati in fretta e senza preparazione atletica estiva di sorta. La prestazione sul campo Montenovo sembra dunque riallacciare il filo con le ultime partite di Quinzi, ora griffate dalla gestione Gesuelli.

Chiaramente quanto affermato, forzando la ricerca della parte di bicchiere mezzo pieno, stride non poco con i freddi numeri della graduatoria. La squadra del presidente Roberto Ciccioli rimane desolatamente ultima a quota zero punti, ma in un campionato equilibrato e lungo come quello dell’Eccellenza nulla può ancora essere decretato a sentenza. E’ chiaro, però, che la necessità impellente è quella di iniziare a fare punti, forzando oltre natura la maturità di qualche giovane elemento della rosa attuale e, come ammesso dallo stesso Gesuelli, ricorrendo in base alle possibilità societarie ad acquisire rinforzi, sfogliando la lista degli svincolati e fiutando opportunità nella prossima finestra di mercato dicembrino.

I locali sbloccano subito la contesa su calcio di punizione calciato da Bondi, la palla carambola nel raggio d’azione di Santoni, e quindi ecco il diagonale vincente. Il solito Perrella parte poi indisturbato per battere l’estremo di casa Verdicchio con un perfetto tiro ad incrociare. Nel recupero della prima frazione, cross di Defendi e testa di Bondi per il gol che decide la contesa.

Paolo Gaudenzi

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page

Caricamento..

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X