facebook twitter rss

Sisma, summit in Provincia,
il sindaco Gualtieri:
‘Le istituzioni ci devono aiutare’ (i video)

Print Friendly, PDF & Email
L'appello-denuncia del sindaco di Monsampietro Morico, Romina Gualtieri

whatsapp-image-2016-10-31-at-11-24-27

Si è tenuto questa mattina in Provincia un summit tra forze dell’ordine, soccorritori, vertici regionali della protezione civile e sindaci del territorio per un bilancio del sisma che si è abbattuto sulla provincia creando danni e crolli dappertutto. Sindaci stremati che fanno di tutto per rassicurare e assistere i loro concittadini. Ma non riescono ad arrivare a tutto. E ricompare anche l’incubo sciacallaggio. Obiettivo primario dell’incontro raccogliere i  dati da fornire al presidente della Regione Marche Ceriscioli che a sua volta dovrà farsi portavoce con il premier Renzi in vista del Consiglio dei Ministri di  oggi pomeriggio.

Romina Gualtieri

Il sindaco di Monsampietro Morico, Romina Gualtieri

Da qui l’accorato appello del sindaco di Monsampietro Morico, Romina Gualtieri, che chiede un sostegno concreto da parte delle istituzioni sovracomunali a “tutelare e proteggere il patrimonio umano e culturale dei nostri territori”. Grossi disagi anche quelli vissuti a Montefortino e a Amandola, con gli ospedali chiusi. E i loro primi cittadini Domenico Ciaffaroni e Adolfo Marinangeli in prima linea. Stesso dicasi per Falerone con Armando Altini. Servono tecnici per dichiarare l’agibilità degli edifici e per fare sopralluoghi. Intanto è stata chiusa la strada che conduce a l’Ambro. In campo un pool di privati, con in testa Nero Giardini, per mettere in sicurezza proprio la chiesa dell’Ambro. Un confronto molto acceso, quello di questa mattina in Provincia, con i sindaci alla canna del gas. Animi accesi anche sulla richiesta della raccolta dei dati, ulteriore onere a carico dei primi cittadini con difficoltà dettate dalla chiusura dei vari uffici comunali.

I NUMERI DEGLI SFOLLATI DEL FERMANO

Domenico Ciaffaroni

Il sindaco di Montefortino, Domenico Ciaffaroni

Sono 70 le persone evacuate nel Comune capoluogo, ovvero Fermo. Numero che ad Amandola è arrivato a sfiorare quota 700. Critica anche la situazione a Montefortino con oltre 150 persone. Gli altri comuni che fanno registrare numeri importanti sono Falerone con 200 evacuati, Monsampietro Morico con 100 evacuati, Smerillo e Santa Vittoria in Matenano con 60. In totale nella provincia di Fermo sono oltre 1.400 le persone sfollate (dati aggiornati al 31 ottobre)

whatsapp-image-2016-10-31-at-11-24-31

whatsapp-image-2016-10-31-at-11-24-32

whatsapp-image-2016-10-31-at-14-03-56


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti