fbpx
facebook twitter rss

Fermana, i lupi molisani
non fanno paura

I gialloblù tornano in campo contro il Campobasso dopo due settimane di stop forzato. Out Mane, Urbinati e Misin, i rossoblù hanno rifiutato l'anticipo al sabato chiesto dai canarini
Print Friendly, PDF & Email

curva solo Fermana

FERMO – Dopo due rinvii si torna a giocare al “Recchioni” contro il Campobasso di patron Aliberti. I molisani sono a quota 14, un punto sopra alla Fermana, che deve recuperare due gare: mercoledì prossimo, 16 novembre (ore 18.00), in casa contro la Recanatese, poi il mercoledì successivo, 23 novembre (ore 14.30), a Matelica.

I rossoblù hanno vinto l’ultima in casa contro la Civitanovese, ma nel precedente turno hanno perso a San Marino e prima ancora sono crollati (1-5) tra le mura amiche contro San Nicolò. La formazione allenata dal salernitano Raffaele Novelli ha un andamento discontinuo: fuori casa ha vinto due partite (a Jesi e Vasto), perse tre (a Pineto, Castelfidardo e San Marino), nessun pareggio. Nonostante ciò, per conquistare tre punti servirà la miglior Fermana, che deve voltare pagina sulle due brutte prestazioni contro Monticelli e Agnonese, ma deve anche cercare di non pagare l’abbassamento di tensione per le due settimane di sosta forzata.

Flavio Destro ha grossi problemi sulla mediana: non avrà a disposizione Mane (squalificato per un turno), Misin e Urbinati; se si considera che anche l’altro centrocampista Forò, in settimana si è allenato poco per via di una febbre passeggera (ma è convocato), il quadro negativo è completo. Rifinitura del sabato mattina sul sintetico di Capodarco, sotto una la pioggia continua e con vento freddo, proprio un tempo da “lupi”, come sono soprannominati i prossimi avversari.

“Il Campobasso è una squadra dinamica e veloce, non dobbiamo farci sorprendere. Concentrazione al massimo e grande determinazione saranno le nostre armi, per questa occasione ed anche nei confronti del tosto mese che ci aspetta” sono le laconiche parole di mister Destro per la presentazione del match di domani.

Per via del recupero di mercoledì prossimo, e in considerazione che la Recanatese ha ottenuto dal Matelica l’anticipo ad oggi dell’undicesimo turno del campionato e quindi mercoledì avrà avuto un giorno in più per recuperare, anche la Fermana ha provato a chiedere al Campobasso la disponibilità di anticipare ad oggi la gara di domani, ma la risposta è stato un cortese diniego; e ciò nonostante che il patron molisano sia quell’Aniello Aliberti con cui la Fermana aveva ottimi rapporti di amicizia e collaborazione quando l’imprenditore agroalimentare campano era il patron della Salernitana. Stiamo parlando degli anni in cui la Fermana era in serie C1 e in serie B, e il patron gialloblù era Giacomo Battaglioni.

I convocati – Bah, Bossa, Comotto, Cremona, Falanga, Ferrante, Forò, Ghiani, Ispas, Maghzaoui, Margarita, Mariani, Marolda, Marti, Molinari, Omiccioli, Petrucci, Polverino, Russo, Valentini.

Precedenti – A Fermo si registrano ben nove vittorie della Fermana, un pareggio e una sola vittoria del Campobasso, quella conquistata nel passato campionato. Il primo incrocio nel campionato 1934/35 in Prima Divisione (la Lega Pro di oggi), gli altri tutti in IV Serie e poi in Serie D.

Paolo Bartolomei


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X