facebook twitter rss

Il sisma non ferma il Montani:
aprono due nuovi laboratori all’avanguardia
di robotica e automazione

FERMO - Al Montani due nuovi laboratori: uno di automazione e uno di robotica dotati di robot con braccio antropomorfo
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Margherita Bonanni

La dirigente Margherita Bonanni

Dopo essersi distinto per la riapertura in tempi rapidi dopo il sisma, garantendo le lezioni  in totale sicurezza ai suoi ragazzi, in anticipo rispetto all’ordinanza del Sindaco, l’Istituto Tecnico Industriale di Fermo annuncia un nuovo passo avanti. La dirigente Margherita Bonanni , insieme al personale docente, stanno lavorando sodo in vista del prossimo 19 novembre quando, alle ore 10, verranno inaugurati al Montani due nuovi laboratori: uno di automazione e uno di robotica dotati  di robot con braccio antropomorfo. I saluti Istituzionali si svolgeranno nell’aula magna e il taglio del nastro avverrà nei due plessi della Meccanica e dell’Elettrotecnica.

robot Montani“I due robot Comau – spiega la preside Margherita Bonanni –  acquistati dall’Istituto Tecnico Tecnologico Montani e istallati grazie a imprenditori ex-allievi (Franco Pantanetti, Giampiero Schiavoni e Stefano Luzi), fanno parte della famiglia Racer, robot di piccola taglia ma con prestazioni molto elevate. Le loro caratteristiche tecniche principali sono carico massimo al polso di 7 Kg e sbraccio massimo orizzontale di 1400 mm . La Robotica ha come obiettivo lo studio di macchine per sostituire l’uomo nell’esecuzione di un compito nei termini di attività sia fisica che decisionale. Questa nuova tecnologia ha un carattere interdisciplinare in quanto è una scienza che affonda le sue radici in settori diversi. La cibernetica, la meccanica, l’automatica, l’informatica, la bioingegneria e l’elettronica sono le più importanti aree culturali che hanno dato sviluppo a questa scienza.Nonostante la Robotica rappresenti una disciplina relativamente giovane, i suoi fondamenti sono ormai ben sviluppati.La modellistica, la pianificazione ed il controllo rivestono un ruolo basilare non solo nel contesto tradizionale della robotica industriale, ma anche per gli scenari avanzati dei robot per l’esplorazione e dei robot per servizio. I due robot sono di dimensioni compatte,i più veloci al mondo nella loro classe, con una maggiore rigidità per applicazioni di grande precisione. Presentano un braccio potente ma agile e sinuoso, con un design creato per immaginare fasci muscolari e nervi pronti allo scatto”.robot Montani

Laboratori all’avanguardia che rendono il percorso di studi offerto dal Montani all’avanguardia a livello nazionale: “Siamo sicuri – spiega la Bonanni –  che i due nuovi laboratori saranno cruciali per la formazione degli studenti e anche per lo sviluppo del territorio. La robotica permetterà infatti di affrontare problemi importanti per la salute e il benessere dell’umanità, mediante le protesi intelligenti e grazie a nuovi strumenti di diagnosi, di chirurgia, di terapia di cui la robotica potrà dotare la medicina. Essa rappresenta uno dei principali business del futuro, come dimostra il massiccio impegno finanziario in attività di ricerca e sviluppo dei paesi più industrializzati, Giappone in testa. Dopo la diffusione di robot nelle industrie, oggi iniziano a vedersi i primi prodotti consumer, questi ultimi prevalentemente nel settore dell’entertainment, ma destinati ad aprire il mercato all’invasione dei robot di servizio. Il mercato potenziale è immenso ed è prevedibile che in futuro il mercato asiatico ne deterrà una fetta predominante, come oggi avviene per l’elettronica di consumo”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti