facebook twitter rss

#liberidileggere, gli alunni della Nardi
incontrano Simona Dolce

PORTO SAN GIORGIO - Dall'Isc: "L'evento rientra in un ciclo di oltre venti eventi organizzati in tutti i plessi e ordini della scuola che hanno coinvolto quasi 700 alunni, fra le letture dei bambini più grandi a quelli più piccoli, gli incontri con le donne di Carta, con lo scrittore siriano Abdulghani Makki e con Marco Moschini, autore di molti testi e poesie per l’infanzia"
Print Friendly, PDF & Email
scuola-media-borgo-rosselli

La scuola media Rosselli

Simona Dolce, giovane scrittrice siciliana impegnata nella lotta alla mafia, sarà la protagonista del doppio incontro promosso dall’Isc Nardi di Porto San Giorgio per oggi. Si è partiti alle ore 8.30 nell’aula magna dell’istituto per replicare poi alle 11 all’auditorium Aylan di Borgo Rosselli. La Dolce è l’autrice di “La mia vita all’ombra del mare”, testo scritto per i ragazzi per raccontare la lotta alla mafia di Don Pino Puglisi. La scrittrice è nata a Palermo e ha pubblicato il suo primo romanzo “Madonne Nere con Nutrimenti”. E’ redattrice di Nuovi Argomenti e collabora con varie riviste e case editrici. “La mia vita all’ombra del mare” è il suo primo romanzo per ragazzi. “L’incontro, che era stato programmato per ottobre ma successivamente rinviato a causa del terremoto – fanno sapere dall’Isc – rappresenta l’evento conclusivo di #liberidileggere, l’iniziativa, organizzata dall’Isc Nardi in occasione della campagna nazionale Libriamoci, promossa dalla scuola assieme al Miur, al Ministero della Cultura e al Centro per la lettura del libro con l’obiettivo di promuovere la lettura presso i più giovani, riflettendo anche su temi quali la legalità e i diritti. Un ciclo di oltre venti eventi organizzati in tutti i plessi e ordini della scuola che hanno coinvolto quasi 700 alunni, fra le letture dei bambini più grandi a quelli più piccoli, gli incontri con le donne di Carta, con lo scrittore siriano Abdulghani Makki e con Marco Moschini, autore di molti testi e poesie per l’infanzia”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X