fbpx
facebook twitter rss

Fermana, il Pineto per
riprendere subito la marcia

SERIE D - Contro il nuovo avversario domestico, quintultimo, i gialloblù devono tornare alla vittoria per non perdere contatto sul gruppo di testa. Tutti disponibili, tranne Sene. La squadra di Amaolo non ha mai vinto a Fermo, a differenza del tecnico più volte in predicato di vestire il canarino
Print Friendly, PDF & Email

fermana-recanatese2

FERMO – Dopo l’isolato stop di Matelica, domani la Fermana può e deve tornare alla vittoria a scapito della matricola Pineto, anche se è difficile avere la meglio contro qualsiasi avversario di categoria, soprattutto contro chi – come farà presumibilmente l’undici biancazzurro – giocherà coperto, togliendo gli spazi di gioco ai gialloblù e sfruttando le ripartenze.

Il Pineto, risalito in D dopo quasi vent’anni di tornei regionali abruzzesi, è quintultimo con 12 punti, 10 meno della Fermana, ha realizzato 17 reti, solo 2 meno della squadra canarina, però ne ha subite 8 in più. Fuori casa in questo campionato non ha mai vinto (come Chieti, Recanatese, Catelfidardo e San Marino), lontano dalle proprie mura ha conquistato solo due punti (pareggi a Pesaro e Castelfidardo, entrambi 2-2) e ha perso a Vasto, San Marino e a Martorano di Cesena contro il Romagna Centro.

Aldo Ammazzalorso, tecnico italo-argentino della squadra ospite, esonerato dopo la sesta giornata (sconfitta interna per 2-4 contro la Sammaurese) è stato sostituito dal sangiorgese Daniele Amaolo che ha un precedente favorevole a Fermo nel passato campionato quando, sulla panchina della Vis Pesaro (anche in questo caso come subentrato) espugnò il “Recchioni” per 0-1. Tra l’altro Amaolo in questi ultimi anni più volte è stato in predicato di sedere sulla panchina della Fermana.

Le parole di Flavio Destro, allenatore della Fermana, alla vigilia dell’incontro: “Abbiamo messo alle spalle un ciclo terribile, fatto di cinque incontri in quindici giorni. Un ritmo infernale per questa categoria, sia a livello fisico che mentale, le cui scorie mi auguro di poter smaltire in fretta. Abbiamo qualche acciacco che sarà valutato nel pre-match. Domani incontreremo una squadra in salute e reduce da una convincente vittoria nell’ultimo turno. Sicuramente gli abruzzesi saliranno a Fermo cercando di portare via punti utili per la loro salvezza e di strappare un risultato importante. Da parte nostra, posso dire che come sempre ce l’abbiamo messa davvero tutta per prepararci bene ad un incontro difficile, da approcciare al meglio. Avremo come sempre bisogno di tutto il colore e il calore dei nostri splendidi tifosi, encomiabili per attaccamento e incitamento anche a Matelica, per riprendere subito la nostra marcia”.

I convocati – Bossa, Comotto, Cremona, Ferrante, Forò, Ghiani, Ispas, Maghzaoui, Mane, Margarita, Mariani, Marolda, Marti, Misin, Molinari, Omiccioli, Petrucci, Polverino, Russo, Urbinati, Valentini, Yallow.

Arbitro – Emanuele Frascaro di Firenze, primo anno di D, nessun precedente.

I precedenti – Con il Pineto sono solo sei e tutti concentrati tra il campionato 1983/84 e il 1991/92 (sempre Interregionale). Al “Recchioni” lo score segna 5 vittorie per la Fermana e un solo pareggio (1-1), quindi nessuna vittoria a Fermo per i biancoazzurri. In una di quelle stagioni (1987/88) il team abruzzese era allenato da un giovanissimo Aldo Ammazzalorso ad inizio carriera, tornato poi sulla panchina del Pineto fino all’inizio di questa stagione dopo aver conosciuto  anche realtà di serie B, tra cui l’Ascoli.

Paolo Bartolomei


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X