facebook twitter rss

Ad Amandola un’area provvisoria
di stoccaggio fieno e mangime
per gli allevamenti terremotati

AMANDOLA - L'assessore regionale Casini: “Vicini agli allevatori che non vogliono e non possono abbandonare il territorio”
Print Friendly, PDF & Email

Anna Casini

La Giunta regionale ha individuato due impianti temporanei per stoccare mangime, fieno e paglia donati agli allevamenti terremotati. Le due strutture sono in corso di realizzazione nei comuni di Amandola e Pieve Torina. Ad Amandola, in località Pian di Contro – zona industriale, verranno ammassate le donazioni per la zona terremotata delle province di Ascoli Piceno e Fermo. A Pieve Torina, in provincia di Macerata – Strada provinciale 209, bivio per Lucciano – quelle per il Maceratese, dove sono già stati collocati 169 quintali di fieno donati dall’associazione Onlus “Il Paese Sant’Antonio per la Solidarietà” (frazione del Comune di Ravenna). “Un bel gesto che apprezziamo e per il quale tutta la comunità marchigiana ringrazia – afferma la vice presidente e assessore all’agricoltura, Anna Casini – il sisma ha gravemente danneggiato anche le strutture zootecniche sul territorio, per lo più allevamenti di bovini da carne e latte, ovini e di altre specie minori. Gli allevatori, seppur con le case distrutte, non vogliono e non possono abbandonare gli animali, per cui è necessario dotarli delle attrezzature idonee, come moduli abitativi e rurali, fienili provvisori, per poter rimanere accanto ai loro animali da reddito. I due centri di stoccaggio favoriranno poi una più razionale distribuzione degli alimenti necessari in tutta l’area devastata dal sisma”. Gli impianti temporanei sono stati condivisi con le organizzazioni professionali e con le amministrazioni comunali interessate. Le donazioni a beneficio degli allevatori rimasti senza scorte di alimenti per gli animali verranno ammassate in queste due località e saranno gestite in accordo con gli uffici competenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti