facebook twitter rss

Giobbe Covatta a teatro
per il progetto Sprar “Sconfinamenti”

PORTO SAN GIORGIO - L'evento è in programma per lunedì prossimo. Il progetto Sprar “Sconfinamenti” è attivo sul territorio comunale sangiorgese da giugno 2016 e prevede un sistema di accoglienza diffusa di venti richiedenti asilo e rifugiati politici
Print Friendly, PDF & Email

Lunedì prossimo al teatro comunale di Porto San Giorgio, avrà luogo l’evento “Oltre i confini dell’indifferenza – Incontrare, Conoscere, Costruire”, a cura del Progetto Sprar “Sconfinamenti”, in collaborazione con il comune di Porto San Giorgio, titolare del progetto, Nuova Ricerca Agenzia Res e Cvm (Comunità Volontari Per il Mondo), i due enti attuatori del progetto. “La serata – comunicano gli organizzatori – sarà una preziosa occasione per affrontare tematiche quali il pregiudizio, i confini e l’accoglienza, attraverso l’esperienza e la competenza di Sandra Magliulo, rappresentante dell’Unhcr e ospite della serata, il cui intervento sarà preceduto da quello di Alessandro Fulimeni, coordinatore dei Progetti Sprar, e di Matteo Simoni e Serena Morelli, coordinatore ed operatrice del Progetto Sprar “Sconfinamenti”, tutti testimoni diretti dell’esperienza di accoglienza e sostegno nella riconquista dell’autonomia, a livello locale. Clou della serata, sarà la presenza del grande attore, comico e scrittore Giobbe Covatta, da sempre sensibile a questo genere di iniziative, che con l’ironia e la professionalità che lo contraddistiguono, incanterà il pubblico con un intervento-spettacolo che abbraccerà tra le altre, le tematiche affrontate nella serata. A presentare e introdurre la serata sarà Luca Vagnoni, operatore del progetto Sprar “Sconfinamenti”, delegato all’area della comunicazione, eventi sul territorio e sanitaria, nonché attore e regista teatrale. Per il comune di Porto San Giorgio, da sempre vicino e attento alle tematiche dell’accoglienza, interverranno il sindaco Nicola Loira e il vicesindaco e assessore alle Politiche Sociali, Francesco Gramegna. A realizzare la locandina e il logo ufficiale di “Sconfinamenti”, che sarà presentato nel corso della serata, il graphic designer Tony Cetta, anche lui tra gli ospiti. Il progetto Sprar “Sconfinamenti”, è attivo sul territorio comunale sangiorgese da giugno 2016 e prevede un sistema di accoglienza diffusa di venti richiedenti asilo e rifugiati politici.
L’equipe, oltre a Matteo Simoni, Serena Morelli e Luca Vagnoni, è composta da Nicola Properzi, delegato all’area lavoro e corsi di formazione, Karidia Fanny, mediatrice culturale e Gelsomina Viscione, che grazie alla sua pluriennale esperienza da insegnante e dirigente scolastico, collabora nell’area L2 e organizzazione corsi di italiano per gli utenti. Ennio Brilli, grande maestro della fotografia, sarà il fotografo ufficiale dell’evento, insieme a Cristina Girotti, operatrice del progetto Sprar “Era Domani” di Fermo. Alla buona riuscita dell’evento stanno collaborando anche gli utenti del progetto, attualmente 14, residenti in quattro appartamenti distribuiti sul territorio sangiorgese. L’ingresso della serata è ad offerta libera e l’intero ricavato sarà destinato all’acquisto di materiale didattico per l’istituto scolastico comprensivo di Pieve Torina, in provincia di Macerata, che comprende oltre Pieve Torina, Pievebovigliana, Muccia e Visso, comuni tutti colpiti duramente dal recente terremoto”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti