facebook twitter rss

La sfida possibile della
Bocconi Alumni Association
ed il sostegno agli studenti meritevoli

MARCHE SUD – Una campagna lanciata dall'Università Bocconi di Milano ed un progetto dedicato al territorio marchigiano. A disposizione fondi per ricevere un esonero pari al 60% della retta d’iscrizione
Print Friendly, PDF & Email

L’Area Ascoli-Fermo-Macerata di Bocconi Alumni Association ha deciso di sostenere la Campagna di raccolta fondi “Una sfida possibile”, lanciata nel 2015 dall’Università Bocconi, promuovendo un progetto sul territorio marchigiano.

Nata nel 2007, ai tempi dell’allora Alub (quindi prima della fusione in BAA), l’Area Ascoli-Fermo-Macerata ha saputo riunire negli anni seguenti un corposo gruppo di Alumni residenti o originari del territorio marchigiano, fra loro. Sono molte le collaborazioni instaurate da allora con importanti istituzioni locali, fra cui Arena Sferisterio – sotto la direzione artistica del Maestro Francesco Micheli, con le quali sono stati organizzati eventi di successo. L’impegno dell’Area si è rivolto anche alla sfera lavorativa, collaborando ai workshop di formazione e di sostegno allo sviluppo professionale del Career Advice BAA. A guidare gli activist volontari è l’Area Leader Daniela Martino, laurea in economia aziendale con specializzazione in Marketing Internazionale nel 1993 e in Comunicazione Digitale. Fra i Team Member, Priscilla Alessandrini, Arianna Nicolai, Federica Diotallevi, Cristiano Michelangeli, Roberto Vittori, Marco Spinosi, Roberto Catani, Francesco Ciotti e molti altri fra i 680 ex alunni di tutte le Marche. L’Area marchigiana è stata premiata in occasione della BAA Leader’s Conference 2016 per il numero più alto di eventi realizzati fra Università e territori. Tra questi, “Organizzare il Coraggio – La nostra vita contro la ‘Ndrangheta,” “Workshock con Ivano Scolieri” e “La sostenibilità dell’Opera lirica in territori sostenibili.”

I fondi raccolti dall’Area marchigiana andranno a sostegno del progetto Esoneri parziali triennio, che permette a studenti meritevoli, le cui famiglie non potrebbero finanziare il loro percorso formativo in Bocconi, di ricevere un esonero pari al 60% della retta d’iscrizione.

Ogni anno Bocconi sulla base di criteri economici e di merito assegna esoneri parziali al 60% a studenti ammessi ai corsi di laurea dell’Università (per maggiori informazioni puoi leggere il bando qui). Una volta raggiunto l’obiettivo e appurati i requisiti economici tra i beneficiari dell’esonero per l’anno accademico 17/18, sarà indetta una ulteriore selezione. I beneficiari che vorranno partecipare saranno chiamati a produrre un elaborato legato al territorio marchigiano e alla solidarietà. Una giuria interna selezionerà lo studente meritevole a cui intitolare l’esonero “BAA Marche promosso da BAA Ascoli-Fermo-Macerata”. Il 100% delle donazioni andrà a sostenere il progetto e sarà 100% deducibile dal reddito.

L’Università Commerciale Luigi Bocconi è nata da un gesto filantropico e lungimirante di un grande imprenditore italiano. Nel 1902, infatti, Ferdinando Bocconi fondò l’Università in memoria del figlio Luigi, scomparso nella battaglia di Adua, con una donazione di 400 mila lire (equivalenti oggi a circa 2 milioni di euro). In seguito, Ettore e Javotte Bocconi, ultimi eredi della famiglia, decisero di lasciare tutto il patrimonio famigliare – finanziario e immobiliare – all’Università, fornendo così le risorse necessarie per diventare una delle protagoniste dello sviluppo culturale e sociale del nostro Paese. Sebbene sia da sempre un istituto privato, nei suoi 114 anni di storia la Bocconi ha costantemente promosso e attuato la parità di opportunità tra studenti, di generazione in generazione, favorendo la mobilità sociale e aprendo le porte a tutti i giovani meritevoli, indipendentemente dalla loro condizione economica di origine. Oggi l’Ateneo prosegue nel suo impegno investendo oltre 27 milioni di euro all’anno nel sostegno agli studenti, grazie anche al supporto del settore privato: aziende, fondazioni e individui che negli anni hanno scelto di condividerne i valori e contribuire con una donazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti