facebook twitter rss

Serata di sensibilizzazione Admo:
arrivano nuove iscrizioni

PORTO SANT'ELPIDIO - Una serata, in collaborazione con la Pallacanestro Porto Sant'Elpidio ed il Porto Sant'Elpidio Basket, che ha contribuito a diffondere la cultura della donazione di midollo osseo e cellule staminali a cui si aggiungeranno altre e future iniziative di sensibilizzazione
Print Friendly, PDF & Email


“In tema di solidarietà e sociale la parola d’ordine è sensibilizzare. Da essa – fanno sapere dall’Admo – poi arrivano i frutti. E’ il caso della serata che giorni fa si è tenuta alla Casa del Volontariato di Porto Sant’Elpidio e organizzata dall’Admo elpidiense (di cui è coordinatore Renato Politi), in collaborazione con due realtà sportive cittadine che hanno sposato la causa della donazione, in particolare proprio di midollo osseo, ovvero la Pallacanestro Porto Sant’Elpidio ed il Porto Sant’Elpidio Basket.
Una serata (sostenuta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo) che ha dato i suoi effetti immediati: 18 nuovi iscritti e tipizzati. Presenti le due squadre, con la dirigenza, che hanno anche lanciato degli appelli subito raccolti: il capitano della Malloni basket Pse Diego Torresi, ad esempio, nell’onorare la memoria di Giovanni De Simoni (il primo a promuovere le finalità dell’Admo nello sport) con una targa ricordo, ha invitato i compagni ad iscriversi e promuovere l’Admo con altre iniziative, unitamente alla forza e all’impegno di Roberto Ramini e della sua squadra per la riuscita della serata.  Tanto pubblico ha partecipato per ascoltare anche le testimonianze toccanti e sentite che si sono succedute, come quella di Arianna, di Danilo e quella di una giovane coppia che per il proprio bambino ha avuto bisogno di due donazioni, da donatori stranieri in quanto nel registro italiano non era possibile trovarne uno compatibile. Particolarmente interessanti gli interventi di Alessandra Zoli, dirigente medico Sod immunologia clinica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Ancona, responsabile del registro regionale che ha detto che ‘è necessario che gli iscritti al registro nazionale aumentino’ e di Alberto Viozzi, anestesista rianimatore, coordinatore per le donazioni di organi e tessuti dell’Asur – Area Vasta n. 4 di Fermo, che ha sottolineato come ‘il dono sia talmente importante da arricchire chi lo fa’. Una serata che ha contribuito a diffondere la cultura della donazione di midollo osseo e cellule staminali a cui si aggiungeranno altre e future iniziative di sensibilizzazione”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti