facebook twitter rss

“Solo un ente sano può programmare il futuro”, bilancio di fine anno per l’amministrazione di Montegranaro

Print Friendly, PDF & Email

di Loredano Zengarini

Conferenza stampa di fine anno per la Giunta di Montegranaro. Appuntamento nell’ ufficio del sindaco Ediana Mancini nel vecchio palazzo comunale, appena tornato ad essere agibile dopo alcuni lavori di messa in sicurezza, con il posizionamento di reti anti caduta nel soffitto ed il puntellamento di un’ arcata della porta e di una finestra attraverso ponteggi di sostegno in legno.

IL PUNTO DEL SINDACO 

Gli interventi di messa in sicurezza del palazzo storico del comune

Naturalmente la prima a parlare è stata proprio il sindaco Ediana Mancini, con un resoconto dell’anno che si sta chiudendo:“Questo 2016 purtroppo è stato pesantemente segnato dagli eventi del sisma che ci hannp impegnato soprattutto negli ultimi tre mesi nei quali è stato fatto un lavoro davvero importante nel momento di emergenza. Siamo tra i comuni con il maggior numero di controlli già eseguiti con ormai oltre il 60% dei sopralluoghi svolti. Le famiglie con ordinanze di evacuazione sono seguite nelle procedure per l’ accesso ai fondi dell’ autonoma sistemazione. Le oltre 600 richieste di controlli sono state oltre che dimezzate dal lavoro svolto, soprattutto grazie all’adozione delle schede Fast invece che delle schede AeDES, procedura al momento ritenuta sufficiente per iniziare il recupero negli edifici catalogati di tipo B, che ha permesso di velocizzare i controlli. Un grande lavoro che andrà fatto anche per gli edifici pubblici. Serviranno interventi per recuperare quelli più cari ai montegranaresi come la chiesa di San Serafino, il comune è stato messo in sicurezza, come già si era ottemperato per la torre dell’ edificio messa in sicurezza proprio appena in tempo prima la che la scossa del 30 Ottobre provocasse conseguenze ben più gravi. A breve sarà riaperto l’ audiorium Officina delle Arti, mentre per la mensa della scuola santa Maria siamo riusciti in circa un mese e mezzo a completare i lavori anche per limitare i sacrifici richiesti agli alunni e alle famiglie nel frattempo”.

Terminato il discorso sul terremoto la Mancini è passata alla situazione finanziaria del comune che ha pesantemente condizionato le scelte dell’ amministrazione: “Uno dei cavalli di battaglia della nostra amministrazione è quello del risanamento finanziario, anche quest’anno abbiamo fatti grandi sacrifici per onorare vecchi debiti e a pagarli, questo è veramente importante perché solo un ente sano può programmare il futuro. Siamo intenzionati a mettere a posto i conti di questo comune, ma la cosa difficile è riuscirci senza toccare i servizi essenziali come accade in altri comuni. Siamo riusciti a garantire i servizi ai cittadini ed in alcuni casi a potenziarli senza dover intervenire sulle tariffazioni, ottenendo così una duplice vittoria, il risanamento va avanti senza penalizzare i servizi ai cittadini”.

La rete di sicurezza nell’ufficio del sindaco di Montegranaro

Il sindaco ha tracciato quindi una panoramica degli interventi futuri per le scuole veregrensi: “Sulla scuola continua un forte impegno, siamo uno dei pochi comuni che ancora finanzia i progetti educativi, con 15/20 mila euro destinati solo per i progetti dell’ offerta formativa del piano. Abbiamo un grosso progetto già ammesso a finanziamento che è quello del miglioramento antisismico della scuola Santa Maria, prenderemo un mutuo per fare i lavori che necessitano al plesso di San Liborio per ottenere la certificazione antincendio”. Il discorso poi si sposta sulle manutenzioni “Si potrebbe fare di più non lo nego, ma i problemi sono sotto gli occhi di tutti, in questo paese erano anni che non si faceva più manutenzione, siamo riusciti a garantire 300 mila euro per la manutenzione stradale, ovvio che siamo stati costretti a muoverci per ripristinare situazioni che avevano una priorità rispetto ad altre, dovremo lavorare molto ancora sulle strade rurali”.

Proprio su questo non dimentica di ringraziare il collega di Giunta nonché presidente uscente della provincia Aronne Perugini “E’ stato estremamente prezioso per tutto il territorio, il suo impegno meritava di essere premiato con un maggior sostegno da parte del nostro consiglio comunale in termini di voti, un occasione persa da parte di alcuni consiglieri, ma alla fine grazie anche ai voti venuti da altre parte possiamo contare su un rappresentante di Montegranaro in provincia. Faccio un in bocca al lupo ufficialmente alla neo presidente Moira Canigola e una delle prime questioni che chiederò alla presidente di affrontare è quella della crisi del settore calzaturiero. Da tempo ormai alcuni imprenditori ci chiedono un intervento per quello che la politica può fare in questi casi, ovvero di accendere i fari e tenere viva l’ attenzione su questo problema. Un importante associazione sindacale ha protocollato la richiesta di un consiglio comunale aperto proprio in merito a questa questione, con importanti aziende del nostro comune coinvolte e con la conseguente minaccia all’ occupazione che ne consegue. Infine affronto una delle mie deleghe che è quella sanità, abbiamo finalmente raggiunto l’ accordo con l’ Asur in merito a locali che ospitano la Croce Gialla che continueranno ad ospitare questa importante associazione anche per i prossimi 6 anni. L’ ospedale è in piena attività anche con lo spostamento della RSA di Amandola e i già esistenti reparti dell’ Hospice e del centro diurno Alzaimer, siamo riusciti a mantenere in funzione il Poliambulatorio”.

ENDRIO UBALDI: “GRAZIE AI DIPENDENTI PER AVER AFFRONTATO NEL MIGLIORE DEI MODI LA SITUAZIONE TERREMOTO”

“Parto da una delega delicata: quella del personale – ha esordito Endrio Ubaldi –  per ringraziare soprattutto i dipendenti per aver affrontato nel migliore dei modi la situazione del terremoto. Si tende sempre a fare di tutta un erba un fascio, ma io dico che ci sono persone che si guadagnano il proprio stipendio e possiamo affermare che in questo Comune non regaliamo nulla. Stiamo cercando di onorare gli impegni con grandi sacrifici, grazie a persone che quotidianamente garantiscono servizi. Penso anche al supporto dei nostri Consiglieri Gaudenzi, Latini e Michetti, sempre presenti ed operativi. Da adesso cominciamo a vedere la luce: il prossimo anno avremo 2 ingegneri in più, che andranno a rimpiazzare chi se ne andrà. Un anno durante il quale avremo ben 4 pensionamenti. Finora abbiamo fatto due esternalizzazioni: nel 2015 per la gestione privata dell’asilo nido, con i genitori molto soddisfatti, mentre nel 2016 per la nuova raccolta differenziata e per i servizi cimiteriali. Dal 2 gennaio partirà il nuovo servizio di accertamento e riscossione tributi e per la prima volta avremo un risparmio di circa 18.000 euro all’anno.
Siamo riusciti a non toccare le tariffe per il quarto anno consecutivo, c’è stata una lieve diminuzione della Tari, abbiamo incrementato il fondo anticrisi ed innalzato la fascia di esenzione per l’addizionale Irpef. Poi i contenziosi chiusi e gli altri che stiamo per chiudere: partivamo da 3.600.000 euro tra debiti potenziali ed accertati e, per adesso, abbiamo gestito circa 1.500.000 euro, con diverse partite chiuse. Non stiamo sottovalutando nulla e vorremmo lasciare nel 2019 le casse del Comune più sicure e più solide di come le abbiamo trovate. Riguardo ai mutui, nel 2015 si attestavano a 500.000 euro, mentre nel 2016 a 250.000. E aggiungo che i 187.000 euro di avanzo non li abbiamo volutamente spesi”.
In materia di personale Ubaldi ha spiegato:”Sulla sicurezza, oltre ad una assunzione, segnalo che per il sistema di videosorveglianza da novembre 2014 ad oggi abbiamo messo 40 videocamere e al massimo entro le prime settimane del 2017 altre verranno posizionate in vari punti della città. Contiamo il prossimo anno di essere protagonisti insieme ad altri Comuni all’interno di un sistema di videosorveglianza territoriale. Si parla molto di sanzioni, ma ci tengo a dire che noi facciamo solo attività di prevenzione, non facciamo cassa come accade altrove e non facciamo opere pubbliche con gli introiti delle multe. Per quanto concerne lo sport, diamo sempre la precedenza a manifestazioni d’eccellenza. C’è stata sì una riduzione dei contributi, ma senza che i risultati siano diminuiti. Siamo sempre stati presenti, come ad esempio con la Poderosa, per i campionati europei di Softball e per la gara nazionale di bocce, senza dimenticare le scuole del basket e del calcio a 5. Infine, ribadisco la soddisfazione per l’elezione di Perugini nel Consiglio provinciale, una presenza la sua che garantirà ancora una volta un ruolo da protagonista alla nostra città”.

GIACOMO BEVERATI: “ALZARE IL TIRO SULLE SANZIONI ALLA RUSSIA CHE DANNEGGIANO IL CALZATURIERO”

“Il nostro è un lavoro collegiale, anche se molto faticoso – ha spiegato poi l’assessore Giacomo Beverati –  Inizio dalla delega delle Attività Produttive: dobbiamo alzare il tiro guardando a Regione e Governo nazionale. Questo distretto, infatti, non è stato inserito tra quelli in crisi, ma dovremmo fare in modo che si aprano gli occhi anche su di noi. Come occorrerà alzare il tiro sulla questione delle sanzioni alla Russia, che danneggiano il settore calzaturiero. I rapporti con quel mercato sono importanti e su questo fronte nonostante i pochi poteri che ha un Comune faremo di tutto, anche con l’aiuto della Provincia. Quest’anno abbiamo favorito alcune iniziative, siamo stati presenti al Micam e abbiamo promosso l’evento sul Made in Italy voluto da Ciccola”.

Su turismo e cultura Beverati che spiegato: “Sono più che soddisfatto, il progetto c’è e si vede. In particolare, sulla cultura l’obiettivo è quello di rendere sempre più organica la programmazione. Le nostre tre eccellenze sono il Veregra Street, che il prossimo anno avrà importanti innovazioni, la Stagione Concertistica degli Amici della Musica, dove abbiamo fatto lo sforzo di estendere il contributo arrivando a 6.000 euro, e la Banda musicale, che sosteniamo convintamente con 2.500 euro. Abbiamo costruito altri momenti importanti e penso alla Stagione Teatrale, che ha costi molto contenuti e che il pubblico di tutto il territorio ha premiato, facendoci arrivare a quasi il doppio degli introiti previsti. Rimarco, inoltre, che chi usufruisce del teatro non paga e siamo uno dei pochi Comuni che opera in questo modo. Ottima la programmazione anche per il Natale, con l’aiuto delle associazioni cittadine ed incentrata sul tema delle luci. Grande è stata l’affluenza per il mercatino a sostegno dei produttori delle aree maggiormente colpite dal terremoto, un gesto veramente importante da parte della cittadinanza. Non dimentico che abbiamo riaperto il cinema, così come abbiamo avuto una grande stagione estiva con una programmazione capillare. Questione centro storico: sicuramente è più pulito e abbiamo fatto lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria. È partita la casa a 1 euro ed avevamo fatto partire la ricognizione sulle impalcature, ma purtroppo il terremoto ha sconvolto le priorità anche in conseguenza dell’esiguo numero di tecnici a disposizione. Certo, dobbiamo impegnarci in maniera ancora più forte e servono interventi puntuali anche a livello di demolizioni”.

CRISTIANA STRAPPA: “PRESTAZIONI ALLA PERSONA INVARIATA RISPETTO ALLO SCORSO ANNO”

“L’anno che si sta per chiudere è stato segnato da tali eventi che il settore Servizi Sociali ne ha risentito particolarmente – ha spiegato Cristiana Strappa –  Dalla Regione si prospettano ritardi nei contributi abituali quali legge 30 e bando affitti. In compenso, a livello nazionale è stato attivato il SIA (sostegno di inclusione attiva) che ha visto nel nostro Comune l’accoglienza di 4 domande su 11 richieste. Tutto è rimasto pressoché invariato rispetto all’anno scorso per le modalità di prestazioni riguardanti i servizi alla persona come SAD (attualmente 23 assistiti, ma il numero varia continuamente), assistenza domiciliare indiretta che prevede un contributo economico e progetti di inclusione sociale e lavorativa. L’assistenza educativa scolastica presenta 22 utenti per complessive 143 ore, mentre l’assistenza educativa domiciliare ha 13 utenti per complessive 37 ore settimanali. Questa Amministrazione continua a sostenere con il pagamento di rette presso strutture sanitarie e di lungo degenza adulti le cui famiglie (fino al sesto grado di parentela) dichiaratamente non sono in grado di pagare. Per i minori ospiti di comunità o istituti l’Amministrazione interviene anche su indicazione del Tribunale dei Minori. Oltre al SIA, come novità di questo anno si segnala le borse lavoro: ne sono 32 attualmente e arriveranno a chiamarsi tirocinio formativo o sociale, avranno la durata di 2 anni prorogabili ed un “incentivo” mensile da 180 euro. In attesa della decisione dell’Agenzia delle Entrate sul possibile cumulo con altri redditi, la riconversione delle ex borse lavoro è rimandata al 30 giugno 2017. Fino a quella data le cose resteranno invariate.  Più di 100 domande ci sono state per il Bonus Idrico (100 euro sulle bollette del 2017), la cui scadenza è stata prorogata al 28 febbraio 2017.  Si sono esauriti i fondi messi a disposizione dall’ambito con il progetto “Social Help” per le numerose richieste di pagamento di utenze.  Sempre molto attiva e proficua, in questo settore, la collaborazione con la Caritas, che ringraziamo.  Per far fronte alla mancanza dei contributi della legge 30 (regionale), questa Amministrazione ha riproposto il fondo anticrisi (scadenza 31 dicembre 2016), rivolto a tutti coloro che non hanno ottenuto altri contributi o agevolazioni comunali durante l’anno, fondo che prevede l’erogazione di 300 euro da cui saranno detratte eventuali inadempienze nel pagamento di tributi.  Novità di questo anno che sta avendo tanto successo è il progetto “La rosa blu”, rivolto a ragazzi e adulti con disabilità curato dall’Anfass fermana e avente come obiettivo l’acquisizione di una maggiore autonomia. Questo laboratorio si svolge presso i locali dell’Ospedale vecchio messi a disposizione dall’Amministrazione comunale e ha la durata di un anno scolastico. Ci sono 7 iscritti ed attiva è stata la collaborazione della galleria Philosofarte di Montegranaro con gli operatori dell’Anffas per la realizzazione di progetti.  Poi le attività ricreative rivolte alla terza età: si ricorda l’attività motoria che da quest’anno presenta una novità, svolgendosi nella nuova palestra La Fenice, cui il Comune ha dato il patrocinio.  Per la prossima estate si spera di poter confermare almeno il soggiorno termale a Salsomaggiore, le terme Tolentino e Sarnano, e “Luglio al mare” per i pensionati.  Discorso a parte per Asilo nido: attualmente ci sono 47 iscritti e la cooperativa Il Faro gestisce con professionalità il mandato. E’ stata presentata recentemente la programmazione delle attività e degli incontri con il comitato di gestione che ha approvato e non ha segnalato alcuna mancanza.  Per concludere, questa Amministrazione ringrazia la presidente del Centro Sociale “G. Conti” che, in collaborazione con l’Ancescao, organizza corsi di informazione rivolti a pensionati e manifestazioni varie, di cui ricordiamo il primo Gran Gala Telethon svoltosi al Teatro La Perla il 16 dicembre scorso”.

ROBERTO BASSO: “ANNO IMPORTANTE PER LA MOLE DEI CAMBIAMENTI”

Anche l’assessore Roberto Basso ha tracciato un bilancio del suo operato“È stato un anno importante, soprattutto per la mole dei cambiamenti. I numeri parlano chiaro, sia come percentuali raggiunte che come servizi erogati. Penso ai 22.000 contenitori distribuiti tra famiglie ed esercizi commerciali e rimarco ancora una volta un servizio mai fatto prima come lo spazzamento meccanizzato. E anche se un grosso lavoro è stato fatto, ora viene la parte più difficile durante la quale lavoreremo sull’ottimizzazione dei servizi cercando di risolvere anche i piccoli problemi. A breve andremo a regime con la cartellonista per il piano spazzamento, con ottimizzazione degli orari. Inoltre, va ribadito come con le esternalizzazioni si siano liberate risorse e personale. Ricordo anche il lavoro fatto sull’Ecocentro, tutti tasselli che vanno a sistemare i vari quadri. Per primavera vorremo portare a compimento le esternalizzazioni per le manutenzioni delle rotatorie, così come il baratto amministrativo. Stiamo lavorando anche per far arrivare tutte queste notizie in maniera ancora più tempestiva alla cittadinanza, fornendo ulteriori servizi utilizzando ad esempio gli smartphone. E pur essendo stati premiati come Comune Riciclone per il 2015, puntiamo molto anche sulla riduzione della produzione di rifiuti. Ad esempio, stiamo facendo una ricognizione sulle 500 domande di richiesta informazioni per il compostaggio. Azioni che magari porteranno ad una diminuzione delle percentuali, ma che consideriamo sane per l’ambiente. E anche la normativa nazionale guarda al rifiuto pro capite prodotto, oltre che alla percentuale. Altro obiettivo su cui stiamo lavorando è quello del risparmio energetico, per recuperare ulteriori risorse”.

ARONNE PERUGINI: “SULLE QUESTIONI PRINCIPALI ABBIAMO SEMPRE AVUTO RAGIONE”
Perugini che prima ha parlato da presidente della provincia uscente:“Il mio ringraziamento va alla maggioranza, che è risultata determinante per la mia elezione in Consiglio provinciale”.  E’ stata poi la volta di Montegranaro: “Vorrei chiarire alcune cose: questo è un Comune che si contraddistingue per una contrapposizione abbastanza dura tra maggioranza e opposizione, situazione che ho riscontrato in pochissimi Comuni durante la mia presidenza in Provincia. Non me ne vogliamo dall’opposizione, ma sulle questioni principali abbiamo sempre avuto ragione. Prendiamo il caso dell’antenna: oggi il risultato finale è che non solo non c’è una nuova antenna a ridosso delle abitazioni, ma non abbiamo nemmeno quella vecchia. È andato tutto esattamente come l’Amministrazione aveva detto, lavorando seriamente a livello di uffici. Altra polemica è quella legata al progetto su Viale Gramsci e Largo Conti: possiamo dire che anche su questo siamo arrivati ad una situazione condivisa, abbiamo sempre detto che avremmo dialogato e ci saremo confrontati, così è stato e oggi portiamo in approvazione i 2 progetti esecutivi. Quindi, tutte le chiacchiere sono venute meno. La nostra è una scelta importante e compatibile con le risorse dell’ente. Dovremmo partire con i lavori a febbraio, con l’obiettivo di ultimarli prima del Veregra Street. Ultima questione quella delle scuole: come avevamo detto, il 3 novembre la Regione ha finanziato il nostro progetto per un importo di 580.000 euro e perciò le varie prese di posizione si sono dimostrate sterili. È un intervento che riteniamo importante, come confermato anche dal commissario Errani. In questo modo arriveremo a 0,70 come tasso di vulnerabilità, ma se ci sarà la possibilità di aumentare lo faremo sicuramente, a garanzia di tutti. Rispetto al resto, debbo dire che il risultato più importante è che dal primo gennaio l’ufficio Lavori Pubblici tornerà a pieno regime. Siamo stati sotto organico per troppo tempo, affrontando anche l’emergenza del terremoto. Ringrazio l’Urbanistica, nella persona del responsabile Alessandrini, perché ci ha permesso di essere uno dei Comuni che si è mosso in maniera più puntuale e rapida. Il 2017 sarà anche l’anno in cui ripartirà il Villaggio del Lavoro.  Sulla viabilità siamo di fronte ad interventi posti in essere sia a livello provinciale che come Amministrazione comunale; interventi che mi fanno dire che Montegranaro, oggi, sta decisamente meglio rispetto al passato”.

PAOLO GAUDENZI: “INFORMAGIOVANI DIVENTA INFORMATUTTI”

A chiudere la conferenza stampa di fine anno è stato il consigliere Paolo Gaudenzi con una speranza per il lavoro:“Grazie al contributo di tutti, il nostro Informagiovani si è trasformato in una sorta di Informatutti, abbracciando varie fasce di età. Cruciale lo sportello attivato con le agenzie di lavoro interinale, il martedì, che fa da tramite con il mondo del lavoro”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti