facebook twitter rss

‘Bonnatà’, l’augurio del poeta fermano
Marino Miola

AUGURI - La poesia scritta dal poeta fermano Marino Miola in occasione del Natale 2016. Un augurio speciale da parte di uno dei più apprezzati compositori dialettali del territorio
Print Friendly, PDF & Email

 

Bonnatà

Dopo lu terremotu
‘nse sente ‘na campana,
chi sa se ce fa casu
la religgiò nostrana;
‘nci sta chi ce rallegra
lu jornu e a mezzanotte,
le chiese è tutte rotte
a ‘nce se pò bboccà.

Quist’annu, Cristo caru,
scì fatto na frittata,
de santi e de madonne
‘gni casa dè sbracata;
bbisogna che vai a legge
l’avvisi su le porte,
se voi sapé la sorte
su dove poi llogghià.

Ma penzo a la speranza,
se cali da lu cielu,
che ‘rnasci su sti posti
framezzo a lu sfracelu;
ché se te vasta solo
lu core pe’ capanna,
‘nce serve tanti osanna
pe’ dacce un “ Bonnatà”.

Marino Miola

Natale 2016

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti