facebook twitter rss

Vittorio Sgarbi nel Fermano, tappa anche a Monte San Pietrangeli: “Bella cittadina, ci tornerò”

MONTE SAN PIETRANGELI - Sgarbi sta visionando le varie opere d’arte presenti nelle chiese e negli edifici danneggiati dal sisma. "Una mostra a Milano sulle opere d’arte minacciate dal terremoto"
Print Friendly, PDF & Email

Un Santo Stefano nel Fermano per Vittorio Sgarbi. Di passaggio da Fermo, il critico d’arte ha fatto tappa aanche Monte San Pietrangeli. Intorno alle 19 di ieri sera infatti, il sindaco Paolo Casenove, ha invitato Sgarbi per una visita in paese, anche se breve, visto che in serata doveva recarsi a Teramo. Una ‘toccata e fuga’ sufficiente per ammirare le bellezze artistiche di Monte San Pietrangeli. “Due sono state le opere che hanno attirato  particolarmente la sua attenzione: il polittico, attribuito a Giuliano da Fano, e una tempera su tavola raffigurante la Madonna col Bambino attribuita al celebre Paolo Veneziano, artista documentato dal 1333 al 1362” spiega il sindaco. .

In questi giorni, Sgarbi sta visionando le varie opere d’arte presenti nelle chiese e negli edifici danneggiati dal sisma. “Ho intenzione – ha anticipato il critico – di allestire una mostra a Milano sulle opere d’arte minacciate dal terremoto delle Marche, e vorrei che ci fossero anche questi capolavori di Monte San Pietrangeli. Il polittico merita senz’altro visibilità: è una delle migliori opere che ho potuto ammirare nelle chiese marchigiane. Ma è degna di attenzione anche la tempera su tavola della Madonna col Bambino: un pezzo rarissimo e di enorme pregio”.

Prima di ripartire, Sgarbi ha accettato l’invito del sindaco Casenove a tornare a Monte San Pietrangeli appena ne avrà la possibilità. “Ho visto molto interesse da parte di Sgarbi – conclude il sindaco – Il nostro paese, pur se piccolo, è pieno di opere di interesse artistico e culturale che meriterebbero maggior visibilità. La notorietà e la competenza di Vittorio Sgarbi ci saranno senz’altro di enorme aiuto”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti