facebook twitter rss

Tirassegno, Calcinaro: “Vogliamo rilanciare l’intero complesso”

FERMO - L’area comprende diversi manufatti ed opere che dagli anni ’70 in poi sono stati realizzati, utilizzati e ristrutturati da diverse associazioni cittadine a vario titolo e dallo stesso Comune
Print Friendly, PDF & Email

Non solo il manufatto d’ingresso. Sul Tirassegno l’attuale Amministrazione Comunale di Fermo vuole portare avanti un’azione che valorizzi le strutture coperte dell’intera area (rispetto all’iniziale progetto risalente a circa tre anni fa).Nei giorni scorsi, infatti, il Sindaco Paolo Calcinaro ha partecipato ad un incontro nella sede dell’Agenzia del Demanio regionale ad Ancona, cui hanno preso parte dirigenti comunali e Sovrintendenza, “per definire – ha detto a margine il primo cittadino fermano – il piano di valorizzazione del complesso, distribuendo gli interventi nell’intera area, non solo quindi sul manufatto d’ingresso ma anche negli altri spazi. Nostro obiettivo è quello di puntare sul rilancio della piattaforma, d’altronde abbiamo già incominciato nel riqualificare l’area verde. L’azione vuole andare avanti spedita: infatti ci si è dati tempi molto stretti fissando il prossimo tavolo nella prima decade di febbraio”.

L’incontro è il secondo passo perseguito dall’Amministrazione Comunale sul Tirassegno dopo l’accordo siglato nel maggio 2016 fra Comune e Demanio che riguardava le aree scoperte (campo da calcio, area verde, parcheggi, pista pattinaggio, piastra polivalente) con una concessione di sei anni (decorso partito nel giugno 2016) ed un canone annuo da parte dell’Ente comunale al Demanio di 426 euro.

L’area comprende diversi manufatti ed opere che dagli anni ’70 in poi sono stati realizzati, utilizzati e ristrutturati da diverse associazioni cittadine a vario titolo e dallo stesso Comune: con le strategie e gli obiettivi di valorizzazione dell’area demaniale si vogliono garantire la tutela attraverso interventi di restauro e successiva manutenzione diretti alla conservazione dell’intero complesso, effettuati sulla base di indagini conoscitive e rispettosi del carattere storico e artistico dell’edificio e garantire le condizioni fruizione pubblica attraverso la realizzazione di attività sociali e culturali (attuate in forme compatibili con la tutela e la conservazione dell’immobile attraverso la partecipazione di soggetti privati, singoli o associati).

In questi mesi recenti sono state già apportate notevoli migliorìe sull’area verde esistente con, altresì, la messa in sicurezza del collegamento pedonale con la via sottostante: in primavera verrà poi predisposto un intervento di manutenzione sul campo sportivo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti