facebook twitter rss

Convocazione elezioni rsu Steat,
il sindacato Usb: “Inspiegabile ritardo”,
il direttore Rutolini: “Non è nostra competenza”

Print Friendly, PDF & Email

 

 

Il sindaco Usb durante l’inagurazione della sede di Fermo lo scorso maggio

“E ormai passato un mese da quando sono state annunciate le elezioni per il rinnovo della Rsu presso la Steat di Fermo, ma ancora l’azienda provinciale del trasporto pubblico non ha indicato una data nella quale tenere la consultazione”. Inizia così la nota dell’associazione sindacale Usb  che ha presentato una propria lista per la Rsu e  protesta per quello che definisce: “Inspiegabile ritardo del quale non si conoscono le origini”.  Se la Usb punta il dito contro l’azienda di trasporti, il direttore Steat Pino Rutolini  respinge subito le accuse al mittente essendo la convocazione della votazione per la rsu non di competenza dell’azienda Steat. 

Il segretario Usb Marche Andrea Quaglietti, nella nota di protesta, spiega: “Il sindacato di base ha tutte le carte in regola e presentato tutte le documentazioni per poter partecipare alle elezioni  e quindi anche le forme di ostracismo  che vengono svolte in ambito locale contro di esso, da chiunque provengano  non sono accettabili. I lavoratori attendono da tempo di poter esprimere il proprio voto in piena libertà di azione e coscienza e vogliono che siano risolte le questioni e la problematiche più urgenti che li riguardano, a cominciare dall’organizzazione dei turni di lavoro. Per tutto ciò la consultazione non può essere ancora rimandata” .  Una sigla sindacale, l’ Usb presente nella rsu di Asite, Provincia di Fermo e altre realtà del territorio.

Pino Rutolini, direttore Steat

Secca e tempestiva la replica all’associazione sindacale da parte del direttore Steat Pino Rutolini: “L’art. 12 dell’Accordo Interconfederale del 10/1/2014 recita che ‘Il luogo e il calendario di votazione (per la elezione della RSU) saranno stabiliti dalla Commissione elettorale, previo accordo con la Direzione aziendale, in modo tale da permettere a tutti gli aventi diritto l’esercizio del voto, nel rispetto delle esigenze della produzione‘. La Direzione aziendale deve limitarsi a verificare che l’eventuale data prescelta dalla Commissione Elettorale non determini problematiche alla produzione del servizio favorendo, nel contempo, l’esercizio del diritto di voto di tutti i lavoratori. Dalla Commissione Elettorale, regolarmente costituitasi ed al cui interno è presente anche un soggetto nominato dalla Usb, l’azienda non ha ricevuto alcuna comunicazione nel merito. La Steat non intende intervenire su questioni che esulano dalla propria competenza così come gradirebbe non esserne indebitamente coinvolta”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti