facebook twitter rss

Discariche illecite, il Comune presenterà denuncia alla Procura

Print Friendly, PDF & Email

 

di Alessandro Giacopetti

Si torna a parlare di conferimenti illegali di rifiuti nel territorio fermano ma stavolta il Comune di Fermo ha deciso di presentare una denuncia alla Procura. “Nell’ambito del controllo e contrasto degli abbandoni di materiale di rifiuto ogni giorno, infatti, vengono scoperte violazioni che costano all’amministrazione comunale tempo, lavoro e spese straordinarie per lo smaltimento”. A dirlo è Alessandro Ciarrocchi, assessore comunale all’Ambiente precisando che “addetti dell’azienda municipalizzata Asite se ne è accorta durante la periodica attività di pulitura delle sterpaglie e mantenimento del verde, in alcune aree a San Michele e a San Marco, in entrambi i casi vicino al cavalcavia dell’autostrada.


E’ stata invece una segnalazione da parte di cittadini a far scoprire il conferimento non legale sulla strada Lungotenna
, nell’unica area di sosta presente in direzione Campiglione. Amianto, gomme, latte di mastice sono alcuni dei materiali trovati – ha spiegato l’assessore all’Ambiente. Sono intervenuti i vigili urbani che hanno cercato di ritrovare i colpevoli attraverso l’apertura dei sacchetti e arrivando a scoprire qualche indizio e qualche etichetta. Tra oggi e domani – ha proseguito Alessandro Ciarrocchi – faremo un esposto alla Procura della Repubblica a firma del sindaco Paolo Calcinaro. Il lavoro di bonifica è enorme e anche il costo”.

Il Comune di Fermo sta cercando di porre rimedio: “Ad esempio per quanto riguarda la strada Lungotenna abbiamo interessato la Provincia – ha anticipato l’assessore Ciarrocchi – per far chiudere alla sosta quell’area, così da rendere più difficile il trasporto e il conferimento. Il problema è che su quella strada c’è una unica piazzola per eventuali auto in avaria. Pertanto al momento sembra difficile che venga chiusa”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti