facebook twitter rss

Edilizia scolastica, Attorresi di Cna: “Come si può chiedere di lavorare al massimo ribasso?”

POST-SISMA - il responsabile di CNA Costruzioni Massimiliano Felicioni: "La ricostruzione dei luoghi colpiti dal sisma non passa solo dal ripristino degli edifici ma soprattutto dalla rinascita economica e sociale delle comunità coinvolte"
venerdì 3 febbraio 2017 - Ore 16:28
Print Friendly, PDF & Email

L’Unione Costruzioni della CNA Provinciale di Fermo condivide il messaggio lanciato sulla stampa dal Presidente Ance di Confindustria Stefano Violoni: “Da tempo ci confrontiamo sull’argomento – riferisce il responsabile di CNA Costruzioni Massimiliano Felicioni – e con il Presidente Violoni condividiamo in pieno le criticità rilevate nel decreto e la preoccupazione espressa nei confronti di una legge in cui non ci sono i presupposti per l’agevolazione delle imprese locali. La ricostruzione dei luoghi colpiti dal sisma non passa solo dal ripristino degli edifici – sostiene Felicioni – ma soprattutto dalla rinascita economica e sociale delle comunità coinvolte, possibile solo con il lavoro delle aziende e delle persone che quel territorio lo vivono e non intendono abbandonarlo. Principi che a nostro avviso non sono alla base del testo di legge. Le istituzioni devono prendere atto delle gravi problematiche sollevate dalle categorie”.

Aggiunge il Presidente provinciale di CNA Costruzioni, Eraldo Attorresi: “Riteniamo molto grave quanto previsto dall’ordinanza 14 del Commissario Straordinario, sulla ricostruzione degli edifici scolastici. Per gli appalti pubblici inferiori a 1 milione di euro, più appetibili per la piccola e media impresa, si applica il principio del massimo ribasso, mentre per i lavori di importo più alto si considera il rapporto qualità – prezzo. Ci chiediamo – prosegue Attorresi – se sia giusto e soprattutto sicuro costruire scuole al massimo ribasso. Non è possibile, in questo modo non si garantisce la sicurezza degli edifici e delle persone”.
“Ci sono altri due punti che CNA chiede vengano modificati”, spiega Attorresi: “Togliere il vincolo relativo al rapporto tra il committente e il progettista: in territori come il nostro, infatti, è auspicabile che ci si rivolga a professionisti conosciuti, stimati, in regola e di fiducia; in secondo luogo, alzare a 250.000 euro per i lavori in cui è richiesta la certificazione SOA. Un’attestazione per la quale si deve dimostrare un fatturato consistente che le pmi del settore, soprattutto in un periodo di crisi, difficilmente possono garantire”.

La CNA è a disposizione per la compilazione delle richieste di contributo per la sospensione e per la delocalizzazione della propria attività. Si tratta dell’indennità di disoccupazione per i lavoratori dipendenti del settore privato compreso quello agricolo, del contributo una tantum di € 5.000 per autonomi, titolari d’impresa, agenti di commercio, professionisti e co.co.co che abbiamo dovuto sospendere la propria attività per via del terremoto, del contributo per le imprese danneggiate o ricadenti nelle zone rosse per delocalizzare la propria attività o che lo abbiano già fatto. Lo sportello CNA sarà attivo il prossimo martedì 7 febbraio nella sede di Amandola (via Biondi 33) dalle ore 9.30 alle 13 e lunedì 13 febbraio nella sede di Falerone (L.go Faleria 4) dalle 15 alle 18.30. Ricordiamo che per la compilazione della domanda è necessario portare documento di identità, visura camerale (o altra documentazione che attesti data di inizio attività), codice IBAN, iscrizione a ente previdenziale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X