facebook twitter rss

“Vorrei una legge che…”: la scuola primaria Giovanni Paolo II riceve un premio dal Senato

martedì 28 febbraio 2017 - Ore 12:12
Print Friendly, PDF & Email

La pluriclasse IV-V della scuola primaria “Giovanni Paolo II” di Monsampietro Morico- Belmonte Piceno, dopo una ferrea selezione nazionale è stata scelta per partecipare presso il Senato della Repubblica, alla premiazione per la partecipazione all’iniziativa “Vorrei una legge che…” organizzata dal Senato in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Gli alunni, hanno elaborato ed illustrato la seguente proposta di legge: “Vorrei una legge che …. aiutasse i bambini a superare il trauma del terremoto”.

Il contenuto della proposta di legge stilata dai minori, è tesa ad alleviare le ansie, le paure, le emozioni e reazioni, il desiderio di parlare e di essere ascoltati, il bisogno di tornare al più presto alle attività quotidiane, dopo l’evento traumatico vissuto. Gli alunni hanno posto l’attenzione sull’importanza di rendere partecipi coloro che non hanno vissuto questa esperienza traumatica e sul fatto che, nonostante il terrore del sisma, ci sono molte persone esperte pronte ad aiutare, in particolare protezione civile e vigili del fuoco, considerati degli eroi, degli angeli che sono riusciti a creare un atteggiamento contraddistinto dalla positività. Grazie a tutto ciò  sono giunti al concetto per cui dopo il terremoto esiste una soluzione.

Dall’emergenza hanno imparato che contro ogni catastrofe esiste una medicina potentissima che non evita la sofferenza,ma aiuta a superarla, ed è la solidarietà, il darsi una mano gli uni con gli altri nello stesso momento e nella stessa direzione, parlando cuore a cuore. Il Sindaco Romina Gualtieri commenta:”Rivolgo agli alunni e soprattutto alle insegnanti un plauso per l’encomiabile risultato ottenuto, che ha condotto gli allievi ad ottimi risultati tanto da raggiungere stimatissimi traguardi a livello nazionale, segno e simbolo di un alto grado di preparazione raggiunta per la tenacia e l’impegno nella didattica e nello studio. E credo opportuno esprimere il concetto per cui la nostra scuola è il vero modello della grandezza nelle piccole (ma solo a livello numerico) dimensioni.”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X