facebook twitter rss

Poderosa in semifinale di Coppa Italia,
annientata la Co.Mark Bergamo

sabato 4 marzo 2017 - Ore 01:58
Print Friendly, PDF & Email

 

OZZANO DELL’EMILIA – Che aggettivi usare per la prestazione sfoderata dalla Poderosa contro la Co.Mark Bergamo nei quarti di finale di Turkish Airlines Cup di serie B? Difficile trovarne di diversi da un generico: perfetta. La solita difesa che toglie il respiro agli avversari, un attacco che gira come un orologio svizzero, concentrazione sempre ai massimi e pure una curva gialloblu a spingere Broglia e compagni ad ogni mattone dell’impresa che stavano costruendo sul parquet. Certo, Bergamo si presentava senza due dei suoi uomini più rappresentativi, lo spauracchio Ghersetti e la guardia Milani. Ma i lombardi restano corazzata di quelle vere, con qualità e quantità in tutti i reparti. Eppure la Poderosa è riuscita ad annientarla prima tecnicamente e poi psicologicamente. Tecnicamente scardinando con perfetta circolazione di palla e percentuali da urlo al tiro pesante (13/20), psicologicamente respingendo ogni velleità di rimonta della squadra di coach Ciocca, tramortita dalla verve della XL Extralight.

IL TABELLINO

XL EXTRALIGHT PODEROSA MONTEGRANARO 86: Dip 12, Paesano 8, Rivali 6, Marzullo, Bedetti 5, Broglia 7, Rizzitiello 15, Di Viccaro 12, Gueye 9, Diomede 12. All.: Ceccarelli.

CO. MARK BERGAMO 59: Bedini ne, Planezio 10, Bastone 2, Lauwers 5, Cazzolato 6, Panni 5, Berti 10, Chiarello 2, Pullazi 19, Piccoli ne. All.: Ciocca.

ARBITRI: Antonio Bartolomeo di Cellino San Marco (BR) e Giulio Giovannetti di Rivoli (TO).

PARZIALI: 16 – 14, 30 – 13, 18 – 13, 22 – 19

LA CRONACA

Di fatto la gara dura un quarto. Il tempo che impiega la Poderosa ad aprire la zona bergamasca e prendere le redini del match. Sono Rivali e Dip a suonare la carica, ma poi si scaldano le mani dei cecchini appostati sull’arco dei tre punti e tutto diventa più facile. La formazione calzaturiera scappa via nel cuore del secondo tempo, volando addirittura a +19 (44-25 al 18’) poco prima dell’intervallo lungo. Ti aspetti almeno una reazione dalla Co.Mark al rientro dagli spogliatoi ed invece elettroencefalogramma piatto. Anche perché i veregrensi non mollano di un centimetro, anzi. La costruzione dei tiri continua a rasentare l’eccellenza, la difesa spegne gli attesi Panni e Berti e la strada verso la semifinale si fa comoda e lastricata. Ma ora ci sono solo 15 ore prima della prossima battaglia: alle 15.30 la Unipol Arena di Casalecchio di Reno sarà il suggestivo teatro della sfida alla Agribertocchi Orzinuovi.

LE DICHIARAZIONI

“Innanzitutto l’onore delle armi a Bergamo, che aveva una situazioni infortunati da non trascurare visto che dopo Milani hanno perso alla vigilia di questa partita anche il miglior giocatore del campionato, Ghersetti. E questo ovviamente incide – le impressioni di coach Ceccarelli – Credo però che oggi vada fatto un plauso particolare ai nostri ragazzi, perché hanno interpretato la partita alla perfezione a livello tattico sulle cose che avevamo preparato. Non posso che essere contento da questo punto di vista, ma ora abbiamo pochissime ore per ricaricare le pile in vista di un altro scontro da brividi contro l’altra corazzata del girone B, Orzinuovi, che non più di due settimane fa ha battuto Bergamo di 20. Sarà fondamentale recuperare energie stanotte. Ci tenevo in modo particolare a portare la Poderosa alla Unipol Arena, un tempio del basket italiano, soprattutto per la famiglia Bigioni che si merita queste gioie. Domani ci godremo una giornata come ai vecchi tempi, con Montegranaro in un luogo storico del basket italiano, come storica è la tradizione veregrense in questo sport. Ci andremo con la voglia di divertirci e senza niente da perdere, sapendo di affrontare un’altra grandissima squadra”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X