facebook twitter rss

La strada della vergogna:
viaggio lungo la Valdete
invasa dai rifiuti

lunedì 6 marzo 2017 - Ore 10:57
Print Friendly, PDF & Email

 

di Paolo Paoletti

Più che strada Valdete, qualcuno l’ha soprannominata strada dell’immondizia. Un fenomeno che con il passare del tempo è andato crescendo e che i residenti dei comuni che si trovano lungo la vallata vogliono denunciare a voce alta. Con il passare dei giorni e dei mesi sembra che le cose vadano sempre peggio.  Basta percorrere la strada Val d’Ete con la macchina per rendersi conto della situazione a dir poco vergognosa.  Lungo i bordi della carreggiata si possono trovare rifiuti di ogni genere. Dai sacchetti della spazzatura gettati dai finestrini delle auto in corsa a vere e proprie mini discariche abusive con scarti edili, mattoni, cemento e chi più ne ha più ne metta. Non finisce qui. Gomme di macchine, secchi, plastica a non finire e tanto altro. Qualche rifiuto finisce anche nelle acque del fiume. 

A rendere il panorama ancora più ‘affascinante’ la presenza degli animali notturni che frugano nei sacchetti della spazzatura abbandonati rompendoli e diffondendo ancora di più la spazzatura. Una situazione che trova la massima concentrazione nel tratto di strada compreso tra il territorio di Grottazzolina e Montegiberto. Insomma una vera a proprio emergenza di civiltà prima ancora che ambientale.

I residenti che ogni giorno percorrono la strada sembrano essere ormai rassegnati. Qualcuno invece non demorde ed ha immortalato tutti inviando le foto alla redazione di Cronache Fermane. Sicuramente, per un territorio che vuole fare turismo, queste immagini non sono sicuramente un bel biglietto da visita. Da qui la richiesta un intervento quanto mai duro da parte della Provincia di Fermo e della Prefettura per porre fine a questi atti d’inciviltà con controlli e appostamenti anche notturni e multe esemplari.

Per inviarci le vostre segnalazioni: redazione@cronachefermane.it

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X