facebook twitter rss

Quando essere madre
significa lasciare il lavoro
,
per le Marche dati allarmanti

GRAVIDANZA E NASCITA - Nel 2015 sono state 760 le lavoratrici che si sono dimesse “volontariamente” nei primi 3 anni di età del figlio, 146 i padri lavoratori
mercoledì 22 marzo 2017 - Ore 10:00
Print Friendly, PDF & Email

Sono complessivamente 906 i padri e, soprattutto le madri lavoratrici, che nelle Marche, nel 2015, hanno lasciato il lavoro durante la gravidanza o subito dopo la nascita di un figlio; nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di persone di nazionalità italiana (86%).

Il dato risulta particolarmente preoccupante sia per la dimensione quantitativa, sia dinamica. Infatti, in una fase economica come l’attuale, quando un posto di lavoro è tanto prezioso, il fenomeno delle dimissioni delle lavoratrici madri e dei lavoratori padri non sembra volersi attenuare e, anzi mostra un’ampia crescita: +41% rispetto ai due anni precedenti.

I DATI

Secondo i dati forniti dal Ministero del Lavoro ed elaborati dall’IRES CGIL Marche, nel 2015 760 lavoratrici si sono dimesse “volontariamente” nei primi 3 anni di età del figlio convalidando le dimissioni alla Direzione Provinciale del Lavoro. Ad esse andrebbe aggiunto il numero, difficile da quantificare, delle mamme lavoratrici non tenute alla convalida delle dimissioni alla Direzione provinciale del lavoro; per non parlare delle tante lavoratrici precarie per le quali la maternità significa spesso la perdita di ogni speranza di rinnovo del contratto. Alle madri si aggiungono 146 padri lavoratori, per un totale di 906 dimissioni nel 2015.

Va sottolineato, inoltre, come l’incremento del numero delle lavoratrici dimissionarie va di pari passo con il calo delle nascite, nelle Marche in continua diminuzione da anni: nel 2015 sono nati 11.904 bambini e cioè 729 in meno rispetto a 2 prima (-6%) e 2.733 in meno rispetto al 2008 (-19%).

Tra i motivi della decisione di lasciare il posto di lavoro, prevalgono le difficoltà di conciliare quest’ultimo con le esigenze di cura dei figli: ciò vale per 291 lavoratrici e lavoratori complessivi, pari al 32% del totale (percentuale in linea con quella nazionale). Tra le ragioni che hanno spinto alle dimissioni, c’è in primo luogo la mancanza di una rete parentale di supporto (156 lavoratrici e lavoratori, pari al 17% del totale), la mancanza di posti nell’asilo nido (75 lavoratori e lavoratrici, 8,3%) e gli elevati costi dei servizi di cura al bambino, quali asili nido e babysitter (60 lavoratrici e lavoratori, 7%).

Occorre anche rilevare che solo 6 padri hanno lasciato il lavoro per esigenze di conciliazione tra il lavoro e famiglia, a fronte di 285 madri, a riprova che il lavoro di cura è ancora quasi esclusivamente a carico delle donne.

Significativo anche il numero di coloro per i quali è stata la mancata concessione del part time da parte dell’azienda, a rendere inconciliabile il lavoro con la genitorialità (5%). Si tratta in particolare di 46 lavoratrici e 1 lavoratore.

In aggiunta al gruppo precedente, va considerato che altre 131 persone (tra cui un solo uomo) (15% del totale) hanno lasciato il lavoro per dedicarsi interamente alla famiglia e in particolare alla cura dei figli, per un totale di 47% di lavoratrici dimissionarie che nel 2015 hanno optato per un esclusivo ruolo familiare.

Osserva Daniela Barbaresi, segretaria della CGIL Marche: “Da questi dati emerge come siano soprattutto le donne a decidere di lasciare il lavoro alla nascita di un figlio, e come le ragioni alla base delle loro dimissioni segnalino, spesso, la solitudine di troppe lavoratrici costrette a fare i conti con una rete di servizi inadeguata ai bisogni e i cui costi sono spesso troppo elevati per tante famiglie alle prese con le difficoltà economiche rese esasperate dalla crisi”.

Rilevante anche il numero di coloro che ha dichiarato di lasciare il lavoro per passare a un’altra azienda: 150 persone (17%), ovvero, 87 lavoratrici e 63 lavoratori.

L’ANALISI

Ma chi sono le lavoratrici che lasciano il lavoro alla nascita di un figlio?

La maggior parte delle lavoratrici non è più giovanissima e ha un’età compresa tra 26-35 anni (58% dei casi) e tra 36-45 (30%), sostanzialmente in linea con la media nazionale e che conferma l’età mediamente elevata alla nascita del 1° figlio. In effetti, la maggior parte di coloro che lasciano il lavoro presenta le dimissioni dopo la nascita del primo bambino (63%); significativo anche il numero di coloro che hanno due figli (28%) o più (5%). Limitato, invece, il numero di coloro che lasciano il lavoro durante la gravidanza (4%).

Nella maggior parte dei casi, e in misura superiore al dato nazionale, si tratta di lavoratrici con figli con meno di un anno di età.

Le imprese dalle quali le lavoratrici provengono sono prevalentemente di piccole e piccolissime dimensioni, quasi sempre non sindacalizzate, e dove probabilmente è più difficile trovare risposte adeguate alle nuove esigenze di flessibilità richieste dalla nascita di un bambino: il 65% delle aziende che le donne lasciano quando nasce un figlio ha meno di 15 dipendenti (56% a livello nazionale) e il 16% ha tra 16 e 50 dipendenti.

Vi è un rapporto inversamente proporzionale tra le dimissioni e l’anzianità di servizio delle lavoratrici madri che si dimettono: il 51% di essi ha un’anzianità lavorativa inferiore a 3 anni e per il 38% l’anzianità va dai 4 ai 10 anni, percentuali di poco superiori a quelle nazionali. Nella quasi totalità dei casi, si tratta di lavoratrici con qualifiche operaie e impiegatizie.

Le donne dimissionarie provengono principalmente dai settori dei servizi (39%) e del commercio (24%) seguiti dall’industria (20%). Per un significativo numero di lavoratrici non viene specificato il settore produttivo di provenienza.

Dalla consigliera di parità, Patrizia David, giunge la conferma del fatto che le difficoltà di conciliazione lavoro/famiglia sono preponderanti nell’insieme dei casi che, nel corso di questo suo primo anno di incarico, le sono stati sottoposti. “Piccole e grandi aziende, pubbliche e private, e anche di livello nazionale, purtroppo appaiono accomunate dalla difficoltà a trovare, in accordo con la lavoratrice madre (raramente il lavoratore padre) quelle soluzioni di flessibilità, anche temporanee, che aiuterebbero la dipendente ad affrontare nella maniera migliore il suo doppio ruolo, di madre e lavoratrice”.

“È sempre più evidente – aggiunge Daniela Barbaresi – la necessità che il diritto al lavoro possa realmente coniugarsi con quello alla maternità; per questo occorrono misure concrete e durature, frutto di una strategia complessiva che riconosca la centralità del lavoro delle donne con un sistema di infrastrutture sociali idoneo a rispondere ai bisogni delle madri, dei padri e dei bambini. Se da un lato la priorità è creare nuovi posti di lavoro, dall’altro, occorre mettere in condizioni chi il lavoro ce l’ha, di poterlo mantenere serenamente”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..



1 commento

  1. 1
    Giovanni Perticarini via Facebook il 22 marzo 2017 alle 14:50

    anche questa è violenza sulle donne…purtroppo…

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X