facebook twitter rss

Sangio, col Montecosaro
sfumano i playoff ma non
mancano le proteste

PROMOZIONE - I nerazzurri scivolano in ottava posizione a otto lunghezze dalla quinta occupata dal Trodica. Il "campo vecchio" non regala sorrisi ai sangiorgesi, dopo la Futura anche il Montecosaro porta a casa l'intera posta in palio
lunedì 27 marzo 2017 - Ore 01:20
Print Friendly, PDF & Email

PORTO SAN GIORGIO – Un punto nelle ultime quattro gare e la Sangiorgese dimostra di attraversare un periodo di forma non ottimale, ma soprattutto conferma gli attriti con l’assistente Daniele Ascenzo di Pesaro. Dopo quanto accaduto al Nuovo Comunale nel match contro l’Atletico Piceno, quest’oggi, nel Vecchio impianto, la storia si ripete. Dubbio rigore assegnato agli ospiti e due espulsioni per i locali, proprio come poche settimane fa contro gli ascolani.

IL TABELLINO

NUOVA SANGIORGESE 0 (4-3-1-2): Canaletti; Orsini, Tidei, Gobbi, Perticarini; Trobbiani, Bibini, Iuvalè (19′ st Santagata); Ricci (19′ st Beretti); Paniconi, Carlini. A disposizione: Screpanti, Savelli, Verdecchia, Sily, Marcoaldi. All. Pennacchietti

MONTECOSARO 1 (4-3-3): Paniccià; Piergallini, Squarcia, Marziali, Quintabà; Pietrella (40′ st Baiocco Simone), Domizzi, Rapacci; Baiocco Luca (43′ st Ledda), Ulivello, Sinsh–Karan (7′ st Bartolini). A disposizione: Gentili, Ardito, Funari, Torresi. All. Roscioli

RETI: 24′ st Ulivello

ARBITRO: Simone Marconi di Jesi; Gregorio Maria Galieni di ascoli Piceno, Daniele Ascenzo di Pesaro

NOTE: Ammoniti Trobbiani, Gobbi, Domizi, Quintabà; espulsi Orsini e Trobbiani; corner 6 – 2; recupero 0’+5′ ; spettatori 250 circa

LA CRONACA

Tre punti in palio e tanta voglia di portarseli a casa. La Sangio per rifarsi della sconfitta subita nel derby contro la Futura due settimane fa, che ha rovinato la festa del ritorno al vecchio stadio. Il Montecosaro per tenersi in corsa per i playout e per riaprire il discorso salvezza, che prima del fischio d’inizio vedeva i maceratesi fuori insieme al Corridonia, visto il +10 dell’Atletico Piceno. Dunque due squadre agguerrite e pronte a darsi battaglia, ma la vera guerra, seppur verbale, è quella che va di scena sugli spalti tra i tifosi locali e la terna arbitrale, quando dopo soli 4′ viene negato un rigore per un fallo subito da Carlini.

Proteste che proseguiranno per il resto della gara, viste le due espulsioni ai danni di Orsini prima e Iuvalè poi, sino alla decisione del signor Marconi di Jesi di sospendere l’incontro per cinque minuti (dal 73′ al 78′) nel tentativo di placare la furia dei tifosi neroazzurri. Tuttavia, tralasciando questi episodi e parlando del calcio giocato, è da segnalare che al 34′ Pietrella da palla franca impegna severamente Canaletti, ma ad andare più vicini alla rete è Paniconi (20′ st), che sugli sviluppi di un corner colpisce la traversa. Al 24′ st gli ospiti usufruiscono di un calcio di rigore, che l’esperto Ulivello trasforma. Nel finale, gara molto frammentata, con i padroni di casa in inferiorità numerica e sotto di un gol, con il cronometro che fa la fortuna del Montecosaro.

Leonardo Nevischi


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X