facebook twitter rss

Poderosa, coach Ceccarelli:
”Quattro giorni terribili”

SERIE B - Fare punti ripartendo dall'impenetrabilità difensiva per girare la pagina delle due sconfitte, chietina ed elpidiense. Questo il diktat del tecnico calzaturiero ai suoi per il resto della stagione regolare
lunedì 3 aprile 2017 - Ore 14:47
Print Friendly, PDF & Email

MONTEGRANARO – L’amarezza per il derby perso in casa contro la Malloni Basket Porto Sant’Elpidio (leggi il nostro articolo) offre naturali spunti di riflessione al timoniere gialloblù Gabriele Ceccarelli (foto).

In casa Poderosa viene così analizzato il momento, caratterizzato da quattro giorni densi di amarezza: l’infrasettimanale stop di Ortona e la sconfitta domestica patita contro i rivieraschi vengono pertanto letti per come segue da parte dell’allenatore calzaturiero.

“Ieri come ad Ortona non abbiamo azzannato la partita come ci eravamo detti in settimana – l’approccio del coach gialloblù al sito web della relativa società -. Se poi davanti trovi giocatori che, come sempre, vengono qua senza nulla da perdere e prendono fiducia, poi sentono l’odore del sangue e tirano fuori partite nettamente al di sopra delle loro abitudini stagionali. Siamo in un momento difficile, lo si è visto già ad Ortona, e le assenze non possono fare da alibi. Dobbiamo cercare dentro noi stessi le forze per superare questo momento. Siamo ancora artefici del nostro destino e abbiamo fatto un campionato straordinario fino a quattro giorni fa. Non siamo quelli di oggi. In quattro giorni abbiamo rimesso in discussione un campionato che sembrava chiuso, abbiamo fatto tutto noi. Dobbiamo tornare sulla vecchia rotta e vincere tutte le tre partite restanti per prenderci il primo posto ripartendo dalla difesa, che è stato ciò che ci ha contraddistinto fino ad ora, portandoci ad essere la migliore non del nostro girone, ma di tutta la serie B fino a San Severo. Questa è una squadra che è stata costruita sulla difesa, se ce lo dimentichiamo facciamo un grave errore. Purtroppo nelle ultime partite lo abbiamo fatto, subendo troppi canestri facili e troppi 1 contro 1. Ma ripeto: siamo vivi e artefici del nostro destino. Abbiamo preso due cazzotti in pieno volto, sta a noi sferrare gli ultimi tre, quelli decisivi”.

Paolo Gaudenzi


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X