facebook twitter rss

Sicurezza, Balestrieri: “Tavolo congiunto
e consiglio aperto o qualcuno ha paura
dello stato d’animo dei cittadini?”

mercoledì 12 aprile 2017 - Ore 19:54
Print Friendly, PDF & Email

“Sono costretto, con molta fatica, a rispondere alle affermazioni del sindaco Nazareno Franchellucci e dell’assessore Carlo Vallesi sull’argomento sicurezza”. Torna a parlare Andrea Balestrieri, capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale e che sulla querelle sicurezza, da giorni, porta avanti lo scontro con le forze di maggioranza.

“Nei miei quattro anni in consiglio, ho spesso sprecato il mio tempo ad attendere risposte che non sono mai arrivate. Con l’appoggio degli altri colleghi di opposizione, abbiamo sempre scelto di dar vita a tante idee e progetti per creare una rete che si occupasse di sicurezza, questo a fronte degli accadimenti criminosi continui e ci sconvolge dover fare riferimento a un sistema politico che, rimane spesso cieco davanti a queste evidenze – spiega Balestrieri – ricordo che la sicurezza non ha colore politico. Dal 2013 la nostra opposizione sta denunciando l’esistenza di un problema sicurezza in città e, solo fino a poco tempo fa, il sindaco e chi per lui, ha iniziato pian piano a prendere sempre più spunto dalle nostre idee ma senza mai coinvolgerci anzi, si sono dimenticati del fatto che le idee che ora sponsorizzano, erano le nostre. Stiamo pagando purtroppo le conseguenze di quattro anni di assoluta impreparazione e incapacità amministrative. Ci sentiamo accusati da parte della maggioranza di ‘sciacallaggio e demagogia’ politica. Non mi soffermo sul termine certamente offensivo. Evito di cadere nel loro stesso livello, ci chiediamo però se chi ha il coraggio di esprimersi con tali termini abbia l’amore per la verità. Perché oltre alle assemblee pubbliche, dove la parola viene data ai cittadini, non si lavora ad un tavolo congiunto o ancora meglio non si fa un consiglio comunale aperto sulla sicurezza? Forse perché sarebbe un modo troppo diretto per toccare con mano lo stato d’animo che aleggia sui nostri cittadini? Ricordo che, iniziative come la sorveglianza pubblica avvicinata a quella privata, il centro di coordinamento interforze in prefettura, il controllo del vicinato proposto anche recentemente dalla Lega Nord cittadina e tante altre idee non sono mai state valutate da questo esecutivo come idee valide. Ora però, magicamente, sono divenute loro e vengono sbandierate come archetipi”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X