facebook twitter rss

Festa della Liberazione, celebrazione alla stele di Cascinare: i ragazzi protagonisti

SANT’ELPIDIO A MARE – Il sindaco Alessio Terrenzi: “Anche quest'anno siamo qui riuniti a ricordare la giornata del 25 aprile 1945. Un giorno indimenticabile che rappresenta la fine di un incubo ed il raggiungimento della libertà e della democrazia"
martedì 25 aprile 2017 - Ore 17:09
Print Friendly, PDF & Email

Si è svolta questa mattina la cerimonia del XXV Aprile, festa della Liberazione. Presenti, accanto al Sindaco Alessio Terrenzi, alle autorità civili, militari e religiose, anche i nuovi eletti del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze, alla loro uscita pubblica dopo le recenti elezioni effettuate a scuola.

“Anche quest’anno siamo qui riuniti a ricordare la giornata del 25 aprile 1945. Un giorno indimenticabile che rappresenta la fine di un incubo ed il raggiungimento della libertà e della democrazia. Un bene inestimabile che vogliamo ricordare e trasmettere alle nuove generazioni, perché crescano con la consapevolezza che la democrazia non è cosa scontata ma è stata una difficile conquista costata infiniti sacrifici, restrizioni e tante vite umane ed è un bene che va difeso e tutelato sempre. Per questi giovani – ha detto il Sindaco nel suo intervento – che vedo qui presenti e che ringrazio per aver accolto il nostro invito ad essere con noi in questa occasione, le vicende di allora sono lontane e si rischia per dare come qualche cosa di normale ciò che, invece, è stato il frutto di una conquista che è costata la vita a molti. Ringrazio il nuovo Sindaco ed il nuovo consiglio comunale dei ragazzi per essere qui con noi e per aver assunto un impegno importante: quello di rappresentare tutti gli studenti per dare voce alle loro necessità ma anche per far sentire la loro presenza in occasione di iniziative come questa. Sarebbe bello vedere una partecipazione sempre crescente delle nuove generazioni sia a cerimonie come quella di oggi che come partecipazione attiva nella vita civile: con il progetto del Consiglio Comunale dei ragazzi e delle ragazze si stanno creando buone basi affinché questo avvenga e confido in loro”.
In particolare, oltre a ricordare tutti i Partigiani morti per la libertà, celebrando i valori della Resistenza poi trasfusi nella nostra Costituzione, tutti coloro che hanno sacrificato la loro vita per consegnare un’Italia libera e democratica, il Sindaco ha ricordato il sacrificio di due Silvano Mecozzi e Vincenzo Borraccetti, che il 20 giugno del 1944 vennero barbaramente uccisi dai soldati tedeschi che in quei giorni avevano il loro presidio nella vicina Civitanova Marche. “Era il 20 giugno del 1944 – ha ricordato Terrenzi – i tedeschi, da Civitanova Marche vennero a sapere che nelle campagne di Sant’Elpidio a Mare, si aggiravano dei partigiani. Arrivarono alla periferia della città calzaturiera e freddano in modo barbaro e vigliacco i due giovani che, insieme a tutti coloro che morirono in Italia per la pace e la libertà, intendiamo ricordare oggi.
Quest’anno, poi, ci troviamo a celebrare il 25 Aprile in un contesto internazionale piuttosto preoccupante – ha aggiunto il Sindaco, facendo appello all’unità tanto più in un periodo in cui tanto, troppo concreti sono i venti di guerra che si respirano a livello internazionale.
“Situazioni di guerra, piccola o grande, sono purtroppo attuali in diverse parti del mondo e tanto più oggi, quando le potenze mondiali lanciano segnali molto preoccupanti, ognuno deve sentirsi addosso l’obbligo morale ad operare, già nel suo piccolo, affinchè nel quotidiano venga rivendicato il diritto a vivere in un mondo di pace. Libertà deve accordarsi necessariamente con pace – ha concluso il Sindaco – fino a che non verrà debellata la guerra in ogni sua espressione, non potremo dire di vivere in una società veramente libera”.
Dopo il Sindaco hanno preso la parola il Sindaco Junior – Daniel Giglini Tassotti – e don Ginesio Cardelli che, ricordando con commozione i tempi di guerra che ha vissuto sulla sua pelle così come sulla sua pelle ha vissuto il periodo della Liberazione, ha impartito una particolare benedizione a tutti i presenti “…persone di oggi, fondamento del futuro”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X