facebook twitter rss

Da Montegranaro a Nairobi il ritorno di Marco Renzi con il festival Marameo

TEATRO RAGAZZI - Partirà il 19 giugno dal Veregra Street una nuova avventura all'insegna di una direzione condivisa e plurale
sabato 29 aprile 2017 - Ore 16:24
Print Friendly, PDF & Email

Prenderà il via il prossimo 19 giugno Marameo, il festival di teatro per ragazzi che seppur giovane viene da lontano e vanta il coordinamento artistico di Marco Renzi, operatore con esperienza quarantennale, ideatore, fondatore e direttore artistico per 27 anni, dal 1990 al 2016, de I Teatri del Mondo, di TIR-Teatri in Rete, autore di un’infinità di spettacoli, libri e progetti dedicati all’infanzia e alla gioventù.

Quella di Renzi sarà una direzione condivisa e plurale: Maurizio Stammati che si occuperà del Festival Nazionale di Utopia a Formia; Giuseppe Nuciari, direttore artistico del Veregra Street, curerà la grande festa di Porto San Giorgio; Marianna de Leoni e Claudio Rovagna di Specchi Sonori e La Scena dei Piccoli di Osimo, condivideranno il Premio Otello Sarzi, destinato alle giovani compagnie italiane di Teatro Ragazzi.

Lo specifico su cui la manifestazione indagherà sarà quello del teatro rivolto alle giovani generazioni, l’impronta che lo renderà immediatamente riconoscibile, è quella di non appartenere ad un solo luogo ma a diversi, l’essere liquido, diffuso e in continuo divenire. Nella sua prima edizione, che si snoderà per oltre tre mesi, dal 19 giugno al 2 ottobre, Marameo investirà diverse città ed anche un paese del continente africano, luogo di un evento certamente di teatro ma altrettanto di solidarietà.

Marameo aprirà la sua festosa presenza a Montegranaro dove, ospite del Veregra Street, presenterà Palla al Centro, vetrina delle produzioni Teatro Ragazzi e Giovani del Centro Italia, un progetto condiviso con le Regioni Abruzzo, Marche ed Umbria, che si muove ogni anno in ciascuna di queste e che vuole essere non solo un incontro del teatro, dei giovani e delle famiglie, ma anche un forte momento di promozione del teatro ragazzi del Centro Italia e del territorio fermano che ospita l’evento.

Subito dopo la carovana di Marameo si sposterà a Formia, per dar vita alla festa nazionale delle Compagnie aderenti all’Associazione Utopia (Unione Teatri Operativi per l’Infanzia e l’Adolescenza”. Saranno tre giorni di festa, con spettacoli, laboratori, presentazione di libri, incontri tra compagnie che attorno all’Associazione stanno cercando di disegnare una strada possibile per il futuro di questo grande patrimonio del teatro italiano che è il teatro ragazzi.

Ad Osimo avremo modo di vederlo questo futuro, attraverso tante giovani formazioni che presenteranno non solo spettacoli ma anche studi su progetti in via di realizzazione. Sarà un momento di confronto e di crescita, per tutti, con una Giuria qualificatissima che assegnerà il Premio Otello Sarzi 2017.

Nel cuore dell’estate eventi in diversi Comuni delle province di Macerata e Fermo, con piazze piene di sorrisi e bambini che trascineranno i loro genitori verso la magia e l’incanto che solo il teatro sa donare, fino alla grande festa di Porto San Giorgio che vedrà il centro della città invaso da decine di compagnie e spettacoli.

A settembre il festival abbraccerà il progetto Teatri senza Frontiere, recandosi in uno dei paesi più poveri del mondo, il Kenya. A Nairobi, ospite della missione di Padre Renato Kizito Sesana, metterà in piedi un laboratorio con ragazzi orfani e con loro allestirà uno spettacolo che verrà rappresentato in pubblico a conclusione della permanenza. Parallelamente le compagnie che hanno aderito al progetto effettueranno dieci rappresentazioni in scuole e villaggi non solo di Nairobi ma anche della sua omonima contea, portando lo spirito del festival laddove l’infanzia è un diritto ancora lontano dall’essere acquisito.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X