facebook twitter rss

Giornalisti Rai contro il possibile declassamento delle sede regionale

ANCONA - Stamattina assemblea aperta e presidio con la partecipazione di tutti i lavoratori della sede regionale, compresa la redazione giornalistica
mercoledì 3 maggio 2017 - Ore 12:26
Print Friendly, PDF & Email

Assemblea aperta e presidio, questa mattina, a partire dalle 11, sotto la sede Rai di Ancona, ai quali hanno preso parte tutti i lavoratori della sede regionale, compresa la redazione giornalistica.

La protesta è stata mossa da Slc Cgil, Snater, Uilcom-Uil, Ugl Informazione e Libersind a sostegno del rinnovo contrattuale, scaduto da ormai 41 mesi, e per scongiurare quanto contenuto nella convezione di servizio pubblico e radiotelevisivo che prevede un eventuale declassamento delle sedi regionali Rai a semplici presidi redazionali.

“I lavoratori della Rai regionale vogliono continuare a produrre un servizio di qualità – dichiara Guido Pucci, segretario Slc Cgil di Ancona/ Marche -, attraverso un lavoro di qualità, a garanzie delle competenze e imparzialità del servizio pubblico. Le politiche aziendali stanno svuotando progressivamente professionalità e funzioni vitali dell’informazione del territorio, demandandone la copertura alle emittenti locali. Lo schema è quello classico: si riducono organici e appalti a ribasso. Una situazione per noi inaccettabile”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X